La vista dei dolci fa diventare i muscoli “affamati” di zucchero

di Paola 0

Che cosa suscita in voi questa foto? Secondo una nuova ricerca, pubblicata su Cell Press, anche soltanto guardare i dolci può causare ai nostri muscoli una sorta di “risveglio”, in cui cominciano a richiedere più zucchero nel sangue. Il messaggio viene recapitato tramite i neuroni dell’ipotalamo del cervello contenenti la sostanza chimica nota come orexina, e al sistema nervoso simpatico. O almeno così è accaduto sugli studi su topi e ratti. I neuroni orexina sono noti per accendersi quando siamo motivati a mangiare o cercare altri premi. Hanno anche un ruolo attivo nello stato di veglia.

I nostri risultati dimostrano che il buon sapore, un pasto piacevole, e l’auspicio di mangiare stimolano l’utilizzazione del glucosio muscolare e quindi diminuiscono il livello di glucosio nel sangue durante l’allattamento. Così, il livello di glucosio nel sangue dopo l’alimentazione è controllato da sistemi di regolamentazione edonistici

ha spiegato Yasuhiko Minokoshi dell’Istituto Nazionale per la Scienze Fisiologiche del Giappone. Il suo team in precedenza ha dimostrato che l’ormone grasso leptina attiva l’assorbimento di glucosio e brucia i grassi nel muscolo. Tali effetti dipendono dai segnali nell’ipotalamo, una regione del cervello che serve per mantenere l’equilibrio energetico.

Tuttavia, un ruolo importante del cervello è quello di controllare l’ambiente interno del nostro corpo per rispondere e anticipare gli stimoli esterni

ha aggiunto Minokoshi. Questo l’ha portato a sospettare che il cervello possa controllare il metabolismo del glucosio nel muscolo basato sulle aspettative, e l’orexina sembrava un ottimo candidato per mediare un effetto del genere. Infatti, Minokoshi ed il collega Tetsuya Shiuchi ora dimostrano che l’iniezione di orexina-A nell’ipotalamo ventromediale (VMH) nei topi o ratti aumenta l’assorbimento di glucosio e lo stoccaggio nel muscolo scheletrico. Questi effetti dell’orexina sono stati smussati nei topi privi di recettori del sistema nervoso simpatico.

Quando i topi sono stati condizionati ad aspettarsi il gusto dolce della saccarina, si è attivato il sistema nervoso simpatico orexina-MH per promuovere l’induzione alla produzione dell’insulina. I topi che hanno potuto leccare una soluzione di glucosio per alcuni giorni consecutivi e sono stati quindi trattati con un orexina-bloccante dei recettori hanno mostrato livelli di zucchero nel sangue superiori a quelli iniettati con la soluzione salina.

In conclusione, i ricercatori pensano che l’orexina possa essere responsabile del controllo e del coordinamento sia del comportamento che dell’alimentazione e del metabolismo del glucosio muscolare. Una buona base di partenza, ad esempio, nello studio per migliorare le prestazioni degli atleti.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>