Come aumentare il metabolismo per dimagrire

di Cinzia Iannaccio 5

 

Aumentare il metabolismo: è il vero trucco per dimagrire, combattere l’obesità e le malattie correlate. Non occorrono farmaci o rimedi miracolosi, ma solo uno stile di vita adeguato che tenga presente alcuni cardini fondamentali: il metabolismo rappresenta il meccanismo e la velocità con cui il nostro organismo brucia le calorie, ovvero sviluppa energie necessarie alla sopravvivenza e alle attività quotidiane. Stiamo parlando del dispendio energetico; alcune persone sono più fortunate, sono nate (per una questione genetica dunque) con un metabolismo veloce; il metabolismo tende a rallentare fisiologicamente in tutte le persone dopo i 40 anni e gli uomini tendono a bruciare più calorie delle donne anche a riposo.

Su cosa si basa il metabolismo

Accelerare il metabolismo significa dunque aumentare il dispendio energetico quotidiano. Per farlo occorre agire sui tre fattori principali: quello che viene definito il metabolismo basale (ovvero il dispendio di energie minimo, fisiologico necessario alle funzioni vitali e alle pratiche quotidiane), l’attività fisica e la dieta. La parte più rilevante è data dal metabolismo basale che rappresenta il 60/70 % di tutto il dispendio energetico quotidiano. Dunque occorrerà agire su questi fattori per aumentare il metabolismo, ma occorrerà anche fare in modo di accelerare il metabolismo anche a lungo termine e non solo in un giorno specifico. Questo permetterà non solo di perdere peso, ma di sentire maggiori energie, maggiore concentrazione e favorire un migliore stato di salute generale. Ma come fare? Ecco qualche consiglio di base:

Accelerare il metabolismo con l’esercizio fisico: aerobico e anaerobico

Perché mai ogni volta che si parla di una dieta per dimagrire si parla di esercizio fisico aerobico? Fare sport aerobico (correre, saltare a corta, fare lo step, andare in bicicletta, ecc) aumenta notevolmente la capacità di bruciare calorie (perché ne servono di più), ma quello che è importante è che il metabolismo resta accelerato anche nelle ore successive all’attività aerobica, per questo andrebbe fatta almeno una volta al giorno. Il nostro organismo, inoltre, brucia calorie anche a riposo, quando dormiamo o leggiamo un libro. Ebbene il tasso metabolico (la velocità del metabolismo basale) è più alto nelle persone con muscolatura più potente: solo per sostenerli e muoverli questi muscoli servono maggiori energie! Nello specifico ogni libbra di muscolo brucia 6 calorie al giorno solo per sostenersi, mentre altrettanto grasso, meno di 2. Un allenamento anaerobico (come nel caso del sollevamento pesi) aumentando la massa muscolare magra accelera la media del metabolismo basale. E’ per questo motivo che tale attività va abbinata a quella aerobica.

Accelerare il metabolismo bevendo acqua

Per bruciare le calorie, producendo energia, il fisiologico processo chimico metabolico necessita di liquidi: la disidratazione rallenta il metabolismo. E’ buona norma dunque mantenersi sempre idratati anche e soprattutto se si fa attività sportiva e nei periodi caldi, onde evitare problemi di salute gravi. Gli esperti consigliano di bere un bicchiere d’acqua prima di ogni pasto o spuntino e di privilegiare frutta e verdura nell’alimentazione proprio perché ricche di liquidi oltre che di preziose vitamine.

Caffè e tè verde accelerano in metabolismo

Alcune ricerche scientifiche hanno recentemente confermato le capacità del caffè (e della caffeina in primis) di offrire maggiori energie a breve termine soprattutto se assunto al mattino: ovvero aumenta il tasso metabolico. Il vero trucco sta però nella moderazione: un eccesso di caffeina è pericoloso. Di tè verde o tè oolong se ne possono bere invece dalle due alle quattro tazze al giorno: aiuta a bruciare fin al 17% in più di calorie.

Energy drinks e metabolismo

Come è noto, anche gli energy drinks aiutano ad accelerare il metabolismo (e dunque a fornire maggiori energie). Sono la caffeina e la taurina gli elementi essenziali che compongono queste bevande e che ne caratterizzano l’efficacia. Purtroppo però gli energy drink, soprattutto se usati con regolarità ( o abusati) possono provocare ipertensione, ansia e disturbi del sonno. Le associazioni internazionali di pediatri le hanno sconsigliate per i bambini.

Accelerare il metabolismo mangiando spesso

Avete presente la sensazione di pienezza e la sonnolenza dopo un pasto super abbondante? In questi contesti i metabolismo si rallenta. Ottimale è dunque mangiare leggero e più spesso, uno spuntino ogni 3-4 ore mantiene in attività costante il metabolismo. Non solo questo permette di bruciare più calorie, ma anche di arrivare con meno fame al pasto principale. La frutta può essere l’ideale! Anche il peperoncino può essere una buona soluzione, non come spuntino ovviamente ma come condimento nei piatti: aumenta il metabolismo, lo confermano numerosi studi scientifici. Rimanendo in ambito alimentare, va sottolineato che le proteine accelerano il metabolismo più dei carboidrati e dei grassi, quindi in un regime dietetico equilibrato, possono essere d’aiuto in questo senso: parliamo di carne bovina magra, tacchino, pesce, pollo, tofu, noci, fagioli, uova, e prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi.

Metabolismo e diete ipocaloriche

Vanno evitate le diete ipocaloriche, quelle che fanno dimagrire repentinamente con un regime alimentare inferiore alle 1000 calorie quotidiane. Non solo perché qualitativamente errate dal punto di vista nutrizionale, ma anche perché il metabolismo si rallenta (disabituandosi a bruciare calorie) e diminuisce la massa muscolare (che abbiamo detto essere preziosa nel metabolismo basale); non essendo sostenibile per lungo tempo questo tipo di dieta, non appena si tornerà a mangiare normale, il metabolismo rallentato e la carenza muscolare faranno riprendere i chili persi alla velocità della luce.

 

 

Foto: Thinkstock

Commenti (5)

  1. argomenti interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>