Preservativi, come scegliere la taglia

di Valentina Cervelli 2

 

Scegliere la taglia giusta per il preservativo non è sempre semplice per gli uomini. Ed intraprendere la scelta corretta è importante per evitare che si sfili o si rompa, mettendo a rischio la coppia da gravidanze indesiderate ma soprattutto da malattie a trasmissione sessuale. Vediamo come regolarci.

Preservativi, come scegliere: il materiale

La prima cosa da fare è quella di scegliere il materiale più adatto. Non si tratta di un passaggio inutile, soprattutto se l’uomo ( o la sua/o partner, N.d.R.) sono allergici al lattice. Questo piccolo particolare presuppone una scelta del tutto diversa da parte di colui che deve indossare il condom e che può andare ad inficiare la scelta della taglia giusta. Questa piccola discriminante già segna la via verso marche specifiche, che lavorano il profilattico in base a lunghezze ed a circonferenze diverse.

Preservativi, come scegliere: prendere le misure

Non si tratta di un incitamento al comportarsi infantilmente come di solito i maschietti amano fare in età puberale, ma letteralmente nel misurare sia la lunghezza che la circonferenza del pene durante l’erezione. Solo in quest modo si può avere un idea della taglia giusta da ricercare. Il problema è infatti il seguente. Per seguire una produzione “mainstream”, ovvero adatta generalmente a tutti, molto spesso di tende a produrre condom lunghi e larghi o corti e stretti, i quali ovviamente non vanno bene per chi ha un organo, ad esempio, lungo e stretto o corto e largo.

Il condom deve essere come un abito da cerimonia fatto su misura: deve calzare bene, non essere né troppo stretto, né troppo largo, ma adattarsi perfettamente alla pelle di chi lo indossa. Importante da ricordare: deve rispettare gli standard definiti dall’ISO 4074. Essenzialmente nel nostro continente sono molto diffusi i “normal” ed i large” come taglie, ma all’interno dei siti delle aziende di produzione e spesso sulle scatole stesse potete imbattervi nelle misure proprie del condom che vi indicano lunghezza e circonferenza: basatevi su quelle per la vostra scelta.

Preservativi, come scegliere: la forma

Quando si sceglie un preservativo la forma potrebbe sembrarvi una delle minori caratteristiche da tenere conto. Non è così: essi possono essere con il serbatoio o senza e quindi a testa piatta, , cilindrici o anatomici, con dei rilievi o nervature. Tutte “sfumature” necessarie per renderlo confortevole e comodo, anche a seconda della presenza o meno della circoncisione.

Photo Credit | Thinkstock

 

Commenti (2)

  1. Ottimo articolo molto esplicativo ma vorrei suggerire, sperando che legge qualcuno addetto “ai lavori”, di fabbricare modelli con aumentata capienza del c.d.serbatoio, in quanto ho notato che abbondanti eiaculazioni potrebbero fuoruscire dalla base del preservativo, sotto la spinta idraulica del membro all’interno.
    Grazie per l’attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>