Certificati di malattia: ora il medico deve spedirlo online

di Valentina Cervelli 1

Dal prossimo 13 settembre entra in vigore il nuovo sistema di certificazione online dei lavoratori dipendenti. Un metodo ottimale di archiviazioni digitale se visto dal punto di vista amministrativo che punta ad abbattere i falsi malati. Ma che sicuramente, e se ne è avuto un breve assaggio nei mesi scorsi, creerà non poco scompiglio nelle vite dei medici curanti, chiamati ad inviare telematicamente il certificato medico all’Inps, l’istituto di previdenza sociale.

Si tratta di un cambiamento regolato dalla circolare n. 4 del 18 marzo 2011 della Presidenza del consiglio dei ministri. Il nuovo sistema verrà applicato a tutti i lavoratori del settore pubblico e privato. Esso dovrà essere messo in atto anche da tutte quelle aziende che pagano completamente e sole la malattia del proprio dipendente.

Il medico in questi caso sarò chiamato a trasmettere il certificato di malattia all’Inps in modo telematico tramite una procedura specifica  denominata Sac ( sistema di accoglienza centrale ) del Ministero dell’Economia.  Allo stesso tempo però, la copia cartacea non verrà eliminata del tutto dato che al dipendente una copia verrà consegnata lo stesso al fine di informare tempestivamente il datore di lavoro almeno con il numero di protocollo identificativo del certificato di malattia.

In casi particolari, nel quale è palese l’impossibilità del medico di trasmettere il certificato tramite la Sac, il lavoratore dovrà ricorrere al vecchio medoto, ovvero l’invio tramite raccomandata A/R al fine di non “perdere” i giorni di malattia assegnatigli.

La grande novità poi riguarda il fatto che il certificato in questione sarà consultabile on line dal dipendente stesso sul sito dell’Inps attraverso il doppio canale web “consultazione attestati di malattia” o “consultazione certificati di malattia” per il quale bisognerà utilizzare il proprio codice pin.

Bisognerà inviare il certificato tramite raccomandato anche nei seguenti casi:

  • certificati emessi dal pronto soccorso,
  • ricoveri ospedalieri,
  • certificato viene emesso da uno specialista privato non convenzionato con il Servizio Sanitario.

Articoli Correlati:

Certificati medici online: il sistema è in tilt

Certificati medici elettronici contro i medici fannulloni

Fonte: JT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>