Il miglior sport per i bambini

di liulai 1

I bambini sono un grande contenitore, in cui si può mettere dentro di tutto; il problema è che si tratta di un contenitore speciale, che non rimane inerte alle sollecitazioni: lì dentro tutto viene elaborato, ri­mescolato, per cui alla fine, se abbiamo messo acqua, farina e lievito, ci ritroviamo una bella pa­gnotta fumante e ben cotta se la quantità degli ingredienti era cor­retta, se la qualità delle materie prime buona, se il tempo di cot­tura giusto. Viceversa, anche sbagliando uno solo di questi processi, po­tremmo ritrovarci con una mass fumante e bruciacchiata, o con un impasto che non accenna a cuocersi perché la temperatura del forno è troppo bassa. Questo per dire che l’attività fi­sica, e sottolineo che non si sta parlando di sport, è fondamen­tale, ma bisogna procedere con attenzione, per non commettere errori di cui pentirci più tardi.

Un tempo, fino agli anni ’80 grosso modo, si giocava per strada, nei vicoli, nei giardini, insomma il gioco era movimento allo stato puro, praticato dalla mattina alla sera d’estate, tutto il pomeriggio nel periodo scola­stico: il gioco “bandiera” svilup­pava le capacità di destrezza, velocità, rapidità; con il “nascon­dino” aumentava la furbizia e la capacità di leggere le situazioni per non farsi scovare, con le mi­niolimpiadi (ognuno di noi le ha organizzate con gli amici) era un susseguirsi di corse, lanci, salti che mettevano a repentaglio fiori dei giardini e vetri di finestre, ma la forza elastica, reattiva, esplo­siva venivano curate in maniera “inconsapevolmente quotidiana”.

Ora, invece, è tutto organizzato, regolamentato e sottoposto a ri­gida disciplina, dallo sport (inteso come attività codificata già a pochi anni di vita) alle altre atti­vità, come musica, lingua stra­niera, eccetera. Perciò c’è un’iperspecializza­zione che, se da un lato permette di acquisire i rudimenti tecnici di una determinata disciplina, dal­l’altro impedisce la crescita pa­rallela delle qualità fisiche non interessate da quella attività; as­surdamente, a sei-sette anni si è capaci di fare un servizio a ten­nis in modo impeccabile e non si è in grado di effettuare una ca­priola; questa caratteristica si ac­centua sempre di più nel tempo, perché i risultati sportivi vengono conseguiti a un’età molto più pre­coce che in passato.

Pertanto è opportuno fare un de­ciso passo all’indietro: poiché lo stile di vita è indiscutibilmente mutato, e anche i bambini hanno scoperto la sedentarietà, prima di scegliere uno sport è neces­sario riappropriarsi del movi­mento e imparare a sentire il proprio corpo attraverso il mi­glioramento della coordinazione. Si dice spesso, ed è vero, che l’atletica leggera è la regina di tutti gli sport: allora, cominciamo dai nostri bambini, che, prima di intraprendere qualunque disci­plina specifica, dovranno essere capaci di correre, saltare, lan­ciare una pallina.

Maschi e femmine indistinta­mente, prima di arrivare a 8 anni, devono praticare, in modo non esasperato ma costante, i campi di atletica leggera: in ogni città o paese sperduto ce n’è uno, con bravi educatori (non sto parlando di allenatori) che inse­gneranno tutto quanto c’è da ap­prendere per poi magari successivamente scegliere un altro sport. Se d’inverno la neve non arri­verà alle ginocchia e la pioggia non allagherà piste e pedane, i bambini impareranno a “giocare allo sport” con il freddo e all’aria aperta, che, salvo condizioni estreme, non hanno mai devastato nessuno.

Una possibile e valida alterna­tiva a questa proposta, special­mente per le bambine, la ginnastica artistica o ritmica, in cui, ancora di più, si riscoprono e si potenziano doti di forza, ela­sticità, acrobazia, equilibrio. Un approccio particolare merita un disciplina completa come il nuoto; a partire dalle scuole, do­vrebbero essere organizzati dei corsi essenziali, per imparare a nuotare, e solo successivamente si dovrebbe dare al bambino la possibilità di praticarlo in ma­niera intensiva, con finalità ago­nistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>