Smettere di fumare, sigarette elettroniche davvero efficaci?

di Paola 8

 Parliamo di tecniche per smettere di fumare, nello specifico delle tanto discusse sigarette elettroniche, sulla cui validità e sicurezza ci si interroga sin dalla loro prima comparsa sul mercato. C’è chi sostiene funzionino, chi ovviamente opera dei distinguo sulla base delle diverse tipologie e marche esistenti; chi, come alcuni scienziati americani fecero tempo fa, chiede si faccia chiarezza su eventuali rischi prima di gridare al miracolo o comunque che si testi la loro efficacia su larga scala.

Oggi parliamo di uno studio che si inserisce nel filone sigarette elettroniche / sigarette elettroniche no e che segna un punto a favore del dispositivo. Ad effettuarlo è  stata un’équipe di ricercatori dell’Università di Boston, che afferma che le sigarette elettroniche funzionano più di altri metodi per smettere di fumare. La ricerca è in via di pubblicazione sulla rivista di divulgazione scientifica American Journal of Preventive Medicine.

Il campione di fumatori preso in esame è abbastanza esiguo a dire il vero, 222, e i ricercatori hanno tratto le loro conclusioni da dichiarazioni volontarie sull’efficacia delle sigarette elettroniche effettuate dai partecipanti al sondaggio somministrato online. Questi dispositivi, che rilasciano una quantità di nicotina moderata, sono stati indicati dagli utilizzatori come del doppio più efficaci rispetto a gomme e cerotti, i metodi tradizionali per smettere di fumare, ormai noti da tempo.

A sei mesi dal primo acquisto della sigaretta elettronica, il 31% dei partecipanti al sondaggio aveva smesso di fumare, senza soffrire di ricadute, a differenza di una percentuale molto più bassa, esattamente del 12-18%, di chi si era affidato a gomme o cerotti alla nicotina per darci un taglio con le bionde. Infine, dai dati raccolti, è emerso che ben il 67% degli interpellati aveva ridotto il consumo di sigarette su base giornaliera, proprio grazie alla sigaretta elettronica.
Per gli autori si tratterebbe di una conferma

che le sigarette elettroniche stanno aiutando migliaia di persone a smettere di fumare.

Voi che ne pensate? Le avete provate? Condividete con noi e gli altri lettori la vostra esperienza, sarà utile a chi vuole scegliere il miglior metodo per smettere di fumare. Perché su questo non c’è dubbio: smettere di fumare fa bene.

Articoli correlati:

Sigaretta elettronica, il regalo di Natale più “utile” per un fumatore

Sigaretta elettronica. Crown7, l’ultima novità in arrivo dalla Cina

Alcune sigarette elettroniche sono delle vere e proprie bufale

Risparmiare sulle sigarette (se proprio ci tenete a fumare) con la sigaretta elettronica

Commenti (8)

  1. Mio marito ha smesso. Ma la sua sigaretta elettronica (azienda italiana) non era di quelle con le ricariche di nicotina che andavano ricaricate a scalare. Il liquido aveva lo 0,01% di nicotina, praticamente nulla. Gli è molto servita, ma solo per una questione di “Gestualità”: di base ci ha messo la volontà. Chi fuma sa che a volte si accende la sigaretta solo x fare il gesto. Ebbene questa aiuta tantissimo. Volendo la può usare in casa senza disturbare nessuno: il fumo che emette è puro vapor acqueo. Da un pacchetto al giorno è sceso a 5-6 sig al giorno la prima settimana e poi stop.!

  2. Grazie, Cinzia 🙂
    Segnamo un punto a favore, allora, aspettiamo le altre testimonianze!

  3. Io non fumo da un anno e 2 settimane.
    E gestisco un sito dove moltissimi altri, di tutte le età e di ogni grado di dipendenza (c’è chi fumava 60 sigarette al giorno) testimonianodi aver smesso o, in casi ridotti, di aver drasticamente circoscritto le sigarette quotidiane a due o tre.
    Un consigli: quelle in farmacia sono di bassa qualità e care. In internet trovate molti modelli validi, economici e di qualità. Cercate i modelli 510, 901 o intellicig evolution.

  4. @ Tinny:
    Io ho smesso da sola più di due anni fa. Mio padre che viaggiava sui 4 pacchetti di Malboro al giorno, improvvisamente, un mese fa quando ha scoperto un tumore al polmone: purtroppo il rischio non equivale alla certezza nella mente dei fumatori. Smettere prima è meglio. La sigaretta elettronica che ho comprato a mio marito non costa troppo, solo 25 euro circa e si trova sia in farmacia che su internet. Non guardate però solo ai costi, ma al contenuto delle cartucce e al vs vero desiderio di smettere.

  5. Qui ci sono un sacco di testimonianze di persone che ce l’hanno fatta e hanno condiviso la loro esperienza http://www.svapo.it/testimonianze.html

    Io consiglio di ricaricarsi da sé le cartucce, costa molto meno prendere il liquido a parte piuttosto che ricomprare ogni volta le cartucce

  6. Ho smesso da un anno e la sigaretta elettronica mi ha aiutato per un paio di settimane. Poi non ne ho avuto più bisogno. Utile comunque direi all’inizio.

  7. Conosco personalmente alcune centinaia di persone che hanno smesso totalmente di fumare usando l’e-sig (io personalmente non tocca più una sigaretta da quasi 2 anni). Credo che si debba fare ancora molto per comprendere, a loro tossicità, ma i dati esistenti in letteratura sono molto promettenti. credo cmq che questo prodotto dia fastidio a tutti coloro che direttamente o indirettamente, traggono vantaggio e profitto dalla vendità delle sigarette e questo contribuisce a alimentare la grande disinformazione su questo prodotto.
    E’ triste, ma è così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>