Epatite C, come si trasmette

di Valentina Cervelli Commenta

Come si trasmette l’epatite C? Scopriamo insieme quali sono i comportamenti a basso rischio e quelli ad alto rischio, tentando di fugare dubbi e leggende metropolitane relative al contagio di questa patologia ai danni del fegato.

L’epatite C è una malattia epatica causata dal virus HCV. Si tratta di una patologia che spesso rimane a lungo asintomatica ma che se non curata a lungo andare può portare allo sviluppo di cirrosi epatica e cancro al fegato. Una cura efficace è rappresentata dal Sovaldi, distribuito in Italia gratuitamente solo ai malati di epatite C più gravi. Tutto ciò ha portato alla nascita di veri e propri viaggi della speranza presso paesi come l’India dove i farmaci costano di meno.

Alto rischio di trasmissione di epatite C

Ecco una serie di comportamenti ad alto rischio di contagio da HCV:

  • Procedure mediche condotte con strumenti non sterilizzati nei casi in cui la pelle viene perforata
  • Procedure dentali condotte con strumentazione non sterilizzata
  • Trasfusione con sangue infetto
  • Uso comune di presidi medici non sterilizzati e contaminati dal virus
  • Tatuaggi o piercing con materiale non sterilizzato.

E’ il contatto sangue a sangue a rappresentare il pericolo maggiore di contagio da parte del virus dell’epatite C: anche di quantità di sangue invisibili ad occhio nudo possono essere sufficienti. E’ per questo motivo che si consiglia l’uso di strumenti o materiale sterilizzato in ambito ospedaliero e ambulatoriale.

Basso rischio di trasmissione di epatite C

Vi sono alcuni comportamenti che possono condurre, sebbene raramente ad un contagio. Essi sono:

  • Ferite da ago subite dal personale che lavora nella sanità
  • Contatto sessuale
  • Trasmissione da madre infetta in gestazione o durante il parto.

Nel primo caso ovviamente la pericolosità è data dalla positività conclamata al virus da parte del paziente, mentre nel secondo caso vi è rischio solo se avviene scambio ematico derivante da una lubrificazione non adeguata.  Per ciò che concerne il contagio in gravidanza il rischio è statisticamente indicato intorno al 6% ma è legato alla carica virale della madre.

Potrebbero interessarti:

Fonte | MHAHS

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>