Disfunzione erettile e farmaci per il testosterone, andrologo risponde

di Cinzia Iannaccio 1

 Disfunzione erettile e farmaci per mantenere alti e costanti i livelli di testosterone. Ne parliamo nel nostro consulto online con l’andrologo dottor Mario Francesco Iasevoli.

Richiesta di Consulto Medico

“Il problema suscritto lo riscontro da circa un anno. Ho 53 anni e nessuna voglia di finire la mia vita sessuale. Ho appena letto che esistono medicinali che tengono costante il livello di testosterone fino anche a 3 mesi, vorrei conoscerne il nome. Al momento uso Testovis giudicato “vecchiotto” e comunque non soddisfacente. Non ho alcun problema di rilievo riguardo alla salute. Un po di problemi su minzione imperiosa. Sono un atleta e tutto sommato un discreto uomo, sotto un aspetto estetico. Attendo con ansia vostra risposta che proporrò al mio medico. Grazie.”

 

Seleziona la specializzazione Andrologia

Tipo di Problema DISFUNZIONE ERETTILE

Risponde il dottor Mario Francesco Iasevoli medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo e   disturbi della sfera sessuale maschile.

“Salve, per prima cosa andrebbe valutata la causa della sua disfunzione erettile. Mi dice di essere un atleta e spero non abbia mai fatto uso di steroidi anabolizzanti che col tempo avrebbero potuto causare ipotrofia testicolare e quindi bassi livelli di testoterone circolante; mi racconta di una minzione imperiosa che potrebbe essere dovuta ad una ipertrofia prostatica o ad una prostatite cronica che possono inficiare la performance sessuale; altre cause organiche potrebbero essere una glicemia elevata, una ipertensione, una ipercolesterolemia oppure infezioni sessuali quali gonorrea o sifilide.

Mi dice di essere sano quindi spero lei abbia fatto gli accertamenti necessari. Se non li ha effettuati si rivolga ad un andrologo che potrà valutare se esiste un danno organico. Esclusi problemi somatici rimane la componente psicogena che spesso è causa del disturbo. Se riesce a completare una masturbazione, se ha erezioni notturne o mattutine possiamo escludere danno d’organo.

Il trattamento sostitutivo con testosterone e derivati è indicato solo se i livelli di testosterone sono bassi; altrimenti potrebbe comportare più effetti negativi che benefici. Certo esistono ora preparazioni a lunga emivita quali il NEBID che richiede una somministrazione ogni 3-6 mesi a seconda delle condizioni, ma è un farmaco che richiede un piano terapeutico che solo un centro ospedaliero accredito può fare. Le consiglio di rivolgersi a un centro di riferimento regionale SIAMS( società italiana andrologia veda sul loro sito www.siams.it) che potrà seguirla al meglio. Cordiali saluti [email protected] cell. 3458092414.”

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Testosterone basso nell’uomo: 8 cose da sapere (foto)

Testosterone basso uomo: che fare, quali rimedi? Andrologo risponde

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.
Per altri consulti visita la nostra pagina specifica: “Chiedi all’esperto: Consulti online su Medicinalive
Foto: Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>