Disturbo erezione e testosterone basso, quale cura?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su testosterone basso, deficit erettile e possibile cura:

“Salve io da 5 mesi ho problemi di erezione con la mia compagna. Pensavo fosse una cosa di stress, ma ora avendo fatto le analisi mi sono accorto che ho il testosterone basso. Volevo sapere c’è una cura per questa cosa e in cosa consiste. Saluti”.

 

Specializzazione Andrologia
Tipo di Problema erezione

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, specialista in Andrologia, Endocrinologia e Malattie del metabolismo.
Per contatti diretti, Email: [email protected] cell. 3458092414.

Per leggere le sue precedenti risposte ed interviste: Dottor Mario Francesco Iasevoli.

“Salve, mancano alcune informazioni per rispondere con certezza alla sua domanda. Ad esempio mi dice di avere il testosterone basso ma non mi indica il valore nè se è quello totale o libero. In via generale in questi casi bisognerebbe prima capire se c’è una causa di tale valore basso e se essa è rimuovibile, curabile e quindi se è possibile ripristinare una corretta funzionalità testicolare.
Se ciò non è possibile l’unica terapia rimane quella ormonale sostitutiva con testosterone sintetico iniettabile.
In commercio ne esistono vari tipi, ma io consiglio sempre quelli a lunga emivita. Se la disfunzione erettile perdura dopo almeno un mese di terapia risulta necessario l’associazione di inibitori della 5 fosfodiesterasi( Viagra e simili). Cordiali saluti”

Leggi anche:

Testosterone basso nell’uomo: 8 cose da sapere (foto)

Testosterone basso uomo: che fare, quali rimedi? Andrologo risponde

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:
non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>