Nube radioattiva sull’Italia, i rischi per la salute

di Paola 3

 Un’attesa senza troppi allarmismi ma vissuta comunque con una certa allerta, quella per la nube radioattiva giapponese in Italia. Il passaggio, previsto probabilmente per le prossime ore, a partire dal Nord Italia, sarà monitorato dall’Ispra, in grado di rilevare anche i livelli di radioattività più impercettibili con i suoi sofisticati strumenti.

Giampaolo Landi di Chiavenna, assessore alla Salute di Milano, ha comunicato che il Comune si avvarrà di un tavolo di esperti per monitorare la situazione e prendere i dovuti provvedimenti in caso di pericolo. Ad ogni modo i cittadini saranno costantemente aggiornati, precisa.
Il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, oggi ha rassicurato su eventuali rischi per la salute pubblica, a margine dell’intervento agli Stati generali della tubercolosi:

Il rischio legato all’arrivo delle radiazioni dal Giappone è zero perché nessuna nube tossica sta raggiungendo l’Italia. Si tratta solo di correnti d’aria che contengono minime quantità di radioattività assolutamente non tossiche e non pericolose. Questo è quello che pensano tutti gli esperti nazionali e internazionali che possono essere interessati dal passaggio di queste correnti d’aria.

I valori attesi sono bassissimi, largamente inferiori alle dosi di radioattività naturale. D’altra parte la nube radioattiva è già passata senza apparenti conseguenze e con livelli minimi registrati sugli USA e sul Canada.

Ettore Capri, esperto di contaminanti degli alimenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, invita comunque alla cautela e chiede che siano eseguiti maggiori controlli sui prodotti alimentari agricoli, in primis latte e vegetali a foglia larga.
Dall’Enea, il climatologo Vincenzo Ferrara spiega che non ci sarà alcun problema per la salute se le radiazioni resteranno pari al fondo naturale.

Se però saranno superiori, allora o in Giappone c’é stato un cataclisma, con la radioattività che è arrivata alle quote della media troposfera, oppure c’é stato un altro incidente in Europa di cui nessuno ha avvisato.

Articoli correlati:

Radiazioni: quando diventano pericolose

Bambini: esposizione alle radiazioni e cancro alla tiroide una relazione pericolosa

Nube radioattiva

Commenti (3)

  1. Aiuto…….io mica mi fido di queste rassicurazioni! Beati loro se credono a ciò che dicono!!!!

  2. tra la guerra, il terremoto, l’arsenico, l’amianto, le frane, le alluvioni, lo tsunami, il terrorismo, le epidemie e le radiazioni la paura è talmente un’abitudine che non ci fai più caso e non ti spaventi più, a me fa questo effetto… ansia più che altro, sensazione che stia per succedere qualcosa di continuo…stato di allerta perenne…

  3. Già… quello in cui vogliono farci stare… perchè così sei impegnato a preoccuparti…
    Sto sperimentando un sensazione di totale insicurezza e sfiducia nei governi, italiano certo… ma anche in generale nelle persone che governano ovunque nel mondo… il soldo e l’economia globale sono diventata definitivamente più importanti delle persone… abbiamo fatto la guerra in passato per liberarci dal nazzismo che trattava una parte di esseri umani come oggetti per motivi ideologici e per pazzia per arrivare ad una società occidentale globale che fa finta di rispettare le persone e di essere democratica ma che in realtà sta sempre sul filo del rasoio e che prende decisioni avventate senza imparare dagli errori del passato e pensando solo a tenere in piedi nel modo più efficace il soldo. Non siamo liberi non siamo sicuri non siamo veramente considerati alla fine come sempre veniamo trattati come numeri statistici… nelle mani del potere economico… vedi quello che ha fatto OMS controllato dalle case farmaceutiche con l’influenza dell’anno scorso… Sono veramente sfiduciata… e penso che come me ci siano tante altre persone… Io credo nella democrazia però attualmente la mia fiducia nel sistema è quasi svanita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>