Allergie bambini, aule più inquinate delle strade

di Paola Commenta

 In Italia si registra un boom di asma, eczema e rinite allergica. Ne soffre il 20% della popolazione. Le allergie incidono sempre più pesantemente soprattutto su bambini e adolescenti, con un incremento senza precedenti: pensate che l’asma, con il suo 10-11% di incidenza tra i giovanissimi, è la malattia cronica più diffusa nell’età dell’infanzia, insieme all’obesità. La rinite allergica affligge allo stato attuale il 35,2% dei bambini e le stime parlano di un 50% di soggetti pediatrici che ne soffrirà da qui al 2020.

Sotto accusa l’inquinamento atmosferico delle grandi città, non c’è alcun dubbio, la mancanza di spazi verdi che ossigenano gli ambienti di vita, ma anche e soprattutto l’aria che si respira a scuola, a sorpresa, ma neanche più di tanto, più inquinata delle strade.

Stando ad uno studio europeo, le concentrazioni di PM10 e anidride carbonica nelle aule degli istituti scolastici sono superiori a quelle dell’esterno. Colpa del cattivo condizionamento dell’aria, della scarsa qualità delle costruzioni e di tante, troppe carenze strutturali e spesso igieniche. Sotto accusa per allergie e asma diversi contaminanti come il fumo, l’amianto, il radon, gli acari della polvere, i pesticidi, le muffe, funghi e spore, il lattice e gli alimenti.
In Italia, il Ministero della Salute è corso ai ripari, pubblicando delle linee guida per la salute indoor.
Per rendere più respirabile l’aria nelle aule occorre:

  • assicurare il ricambio dell’aria;
  • spolverare pavimenti e banchi con panni umidi tutti i giorni;
  • nella stagione dei pollini la pulizia deve essere ancora più scrupolosa;
  • no a tappeti, carta da parati e tende in classe;
  • non accumulare libri e giornali;
  • limitare il numero di armadietti;
  • appendere i cappotti all’esterno delle aule;
  • no anche alle piante ornamentali;
  • la temperatura ambiente va mantenuta sui 18-20°C;
  • gli impianti di riscaldamento, ventilazione e condizionamento vanno mantenuti in perfetto funzionamento e controllati regolarmente con interventi di manutenzione.

Inquinamento indoor e asma, una relazione pericolosa soprattutto per i bambini

Inquinamento indoor, al via Gruppo di studio ISS: i consigli degli esperti per aumentare la qualità dell’aria in casa

Tira una brutta aria nelle scuole italiane, polveri sottili e CO2 oltre i limiti

[Fonte: Ansa]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>