Celiachia bambini, stop a endoscopia per diagnosi

di Ma.Ma. 0

Per scoprire la celiachia nei bambini non verranno eseguiti più esami in endoscopia, dunque invasivi per i piccoli ma ci si potrà basare su un test che è stato messo a punto dai ricercatori dell’Istituto Gaslini di Genova in collaborazione con i colleghi dell’Università di Verona e che risulta molto meno invasivo.

A dettare la nuova regolamentazione per la diagnosi della celiachia nei bambini è il Ministero della Salute nel corso dell’ultimo convegno dell’Associazione Italiana Celiachia (AIC). Per diagnosticare la celiachia nei piccoli insomma non sarà più necessario prelevare una parte di tessuto intestinale per capire se i villi sono danneggiati. E’ questo quello che si faceva fino ad oggi con l’endoscopia ma l’esame è particolarmente fastidioso da sopportare soprattutto per i bambini.

CELIACHIA, A RISCHIO I BAMBINI NATI D’ESTATE

Da oggi un nuovo test per la diagnosi della celiachia è stato messo a punto: un esame del sangue che si basa sulla proteina VP7, la quale stimola la produzione di anticorpi specifici in seguito all’infezione da Rotavirus. Si tratta di anticorpi che vengono prodotti solo nelle persone (adulti e bambini) che soffrono di questo disturbo: la diagnosi della celiachia sarebbe dunque lo stesso certa ma molto meno invasiva visto che un prelievo di sangue è molto meno doloroso e difficile da sopportare rispetto a un intervento in endoscopia nel quale comunque si deve intervenire per prelevare un pezzettino di tessuto intestinale. I risultati di questo studio, condotto da Antonio Puccetti, ricercatore presso il Gaslini di Genova, e Claudio Lunardi e Giovanna Zanoni dell’Università di Verona, sono stati resi pubblici sulla rivista Immunologic Research e lasciano ben sperare per il futuro più immediato.

Spiega il dottor Puccetti:

Abbiamo messo a punto un test semplice e di facile esecuzione per prevedere l’insorgenza della malattia celiaca nei soggetti geneticamente predisposti. Il test realizzato al Gaslini si può eseguire con una semplice analisi del sangue, al momento è disponibile solo presso il nostro laboratorio di ricerca, ma potrebbe diventare in tempi brevi un kit diagnostico commerciale. Il test infatti è stato messo a punto in un formato che è facilmente adattabile anche a scopi commerciali

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>