Artrite reumatoide, le donne colpite già a 35 anni

di Tippi Commenta

Si stima che in Italia, l’artrite reumatoide colpisca 350 mila persone, di cui il 75% fra la popolazione femminile tra i 35 anni e i 50 anni, con un rapporto di 5 a 2 rispetto all’uomo. Lo rivela un’indagine dell’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da), svolta in collaborazione con Anmar (Associazione Nazionale Malati Reumatici) e con il contributo di Mundipharma.

L’artrite reumatoide, così come tutte le malattie reumatiche, hanno un impatto negativo sulla qualità della vita, condizionando le relazioni interpersonali, l’equilibrio psico-fisico, la sfera sessuale, la vita di coppia, l’autostima, la motricità, la voglia di maternità; un dolore cronico che compromette l’esistenza di moltissime donne già a 35 anni. C’è di buono, Che l’artrite reumatoide, in molti casi, non rappresenta una situazione del tutto irrisolvibile.

La combinazione di cure e fisioterapia, sebbene praticata con assiduità solo da 1 paziente su 4, è in grado di rallentare l’evoluzione della malattia e di diminuire il dolore, con conseguente miglioramento dello stato complessivo di salute nel 31% dei casi, contro un 8% di pazienti che non hanno alcun giovamento dai trattamenti. Nuove speranze di cura, oggi arrivano da trattamenti con effetto antinfiammatorio a base di cortisone a rilascio notturno programmato per alleviare la rigidità articolare mattutina ed il dolore cronico.

Tuttavia, è importante che ci sia una maggiore attenzione e sensibilizzazione ai risvolti emotivi e all’impatto socio-economico dell’artrite reumatoide, spesso sottovalutati per mancanza di conoscenza e informazione. E’ molto diffusa, infatti, l’errata convinzione che colpisca solo la popolazione fra i 51 e i 70 anni o addirittura solo gli ultrasettantenni. Ecco, perché è necessario contrastare non solo lo sviluppo della malattia, le cui cause non sono ancora note, ma anche di far fronte al dolore cronico con terapie innovative, che possano migliorare la qualità della vita di chi ne è affetto.

Marco Filippini, Direttore Centro Studi Mundipharma, a margine dell’indagine, ha dichiarato:

Lo studio condotto da O.N.Da. evidenzia come la disfunzionalità ed il dolore nel paziente con artrite reumatoide siano ancora oggi vissuti in Italia con rassegnazione, nonostante la disponibilità di nuove opzioni terapeutiche sia per il controllo della rigidità mattutina, con una nuova formulazione di cortisone a rilascio notturno, sia per il trattamento del dolore. E’ necessario, perciò un maggiore impegno da parte di tutti affinché il dolore sia affrontato secondo i principi di dignità della persona, equità dei servizi di assistenza e appropriatezza terapeutica, secondo quanto sancito dalla Legge.

Fonte: O.N.Da

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>