Pillola contraccettiva e coaguli nel sangue: quanto c’è di vero

di Marco Mancini 4

Esiste un rischio di coaguli nel sangue dovuti all’assunzione della pillola contraccettiva? Secondo un recente studio effettuato presso la Stanford University School of Medicine, pare di sì, ma a determinate condizioni. Le donne che usano la pillola anticoncezionale standard potrebbero avere un rischio più alto di pericolosi coaguli di sangue se hanno anche una malformazione della vena. Un’eventualità non rara, visto che compare in circa un quarto della popolazione mondiale.

Fino al 25% della popolazione sana ha un restringimento, noto come stenosi, nella vena iliaca sinistra (una delle due grandi vene profonde del bacino che fanno tornare il sangue dalla parte inferiore del corpo al cuore), secondo il Dr Lawrence Hofmann e colleghi.

Nel loro studio, pubblicato sull’American Journal of Obstetrics and Gynaecology, la combinazione di una stenosi della vena iliaca sinistra e contraccettivi orali (il tipo contenente sia gli estrogeni che progestinici) moltiplica il rischio di una donna di contrarre la trombosi venosa profonda quasi 18 volte in più rispetto alle donne con nessuno dei due fattori di rischio. Nota anche come “sindrome da classe economica”, una trombosi venosa profonda è un coagulo di sangue che spesso si forma nelle vene degli arti inferiori ed è potenzialmente pericolosa perché può viaggiare fino al cuore e ai polmoni, causando gravi danni.

In generale, osservano i ricercatori, ogni 10.000 donne che non assumono contraccettivi orali, circa 3 avranno una trombosi venosa profonda ogni anno. Per le donne giovani che hanno preso la pillola per un anno, il rischio aumenta di sei volte. Nello studio, il gruppo di Hofmann ha analizzato 35 donne con trombosi venosa profonda e 35 donne senza la condizione per il confronto. Ha così scoperto che la stenosi della vena iliaca sinistra ha aumentato il rischio del coagulo di 3,5 volte. I contraccettivi orali hanno aumentato il rischio di quasi 5 volte, mentre la combinazione dei due fattori ha portato il rischio ad aumentare di 17,7 volte.

Per lo studio, il gruppo di Stanford ha utilizzato TAC o risonanza magnetica per valutare le donne con trombosi venosa profonda, e le hanno confrontate con lo stesso numero di donne della stessa età che si erano recate al pronto soccorso con dolore addominale. In totale, il 37% delle donne con trombosi venosa profonda e l’11% dei soggetti di controllo utilizzavano qualche tipo di pillole anticoncezionali. Tra i casi di trombosi, il 63% ha avuto anche altri fattori di rischio del coagulo, come la gravidanza o condizioni soggette a coaguli chiamate trombofilia, rispetto al 23% dei controlli.

Tra le donne con trombosi venosa profonda e stenosi, il grado di restringimento della vena è stato, in media, del 70%, rispetto al 56% nel gruppo di controllo. Per le donne in generale, ogni aumento dell’uno per cento di stenosi della vena iliaca aumenta il rischio di trombosi del 5%, mentre per le donne che prendono la pillola, ogni aumento dell’uno per cento nella stenosi aumenta il rischio di trombosi di circa il 500%.

Le nuove pillole anticoncezionali che non ingrassano
Pillola anticoncezionale, cos’è, quali sono i vantaggi e i rischi
La pillola anticoncezionale fa ingrassare?

[Fonte: Health24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>