Malattie cardiovascolari nei diabetici, 20% rischio più basso con frutta secca

di Ma.Ma. Commenta

Una giusta dose di frutta secca, circa 125 grammi alla settimana, riduce del 20% il rischio di contrarre malattie cardiovascolari in coloro che soffrono di diabete.

Il diabete è di sicuro uno dei fattori più rischiosi che possono scatenare ictus e infarto, tra le malattie cardiovascolari più diffuse. Ma una ricerca condotta da un team di epidemiologi e nutrizionisti della Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston e pubblicata sulla rivista Circulation Research, punta i riflettori sulle potenzialità della frutta secca nei malati di diabete che, consumandola co frequenza, vedrebbero abbassare di gran lunga i rischi di incappare in malattie legate al cuore e al sistema cardiocircolatorio in generale.

Lo studio ha riguardato 16.217 uomini e donne, di cui è stata monitorata l’alimentazione nell’arco di diversi anni prima e dopo la diagnosi di diabete. nel periodo in esame sono stati registrati, nel campione preso, 2.467 infarti e 789 ictus (1163 decessi). I dati raccolti e incrociati hanno indotto gli scienziati a notare però come in coloro che avessero consumato frutta secca in modo regolare, ictus e infarti erano stati più bassi.

La frutta secca, noci e mandorle, nocciole e pistacchi, fa dunque bene alla salute del cuore, soprattutto per chi soffre di diabete. Il consiglio, dunque, è quella di consumarne nelle giuste quantità.

Ti potrebbe interessare anche:

Diabete, conosciamolo meglio

Diabete di tipo 2, le cause

Dieta ipocalorica contro il diabete?

Frutta secca, fa bene?

Cancro al pancreas, prevenzione con la frutta secca

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>