Influenza Suina: le linee guida per gli antivirali e i sintomi dell’Oms

di Paola 3

In pieno allarme influenza suina, il maggior pericolo è che la gente si faccia prendere dal panico e inizi ad usare scriteriatamente gli antivirali, in maniera tale da rendere il virus resistente ai farmaci, e aggravare la situazione per sè stesso e per gli altri. Per questo l’Organizzazione mondiale della sanità ha appena rilasciato una guida sull’uso degli antivirali.

Le linee guida rappresentano il consenso raggiunto da un panel internazionale di esperti che ha esaminato tutti gli studi disponibili sulla sicurezza e l’efficacia di questi farmaci. L’accento è stato posto sull’uso di oseltamivir e zanamivir per prevenire gravi malattie e decessi, ridurre la necessità di ricovero in ospedale, e ridurre la durata dei ricoveri in ospedale.

Il virus della pandemia è attualmente soggetto a due di questi farmaci (noti come inibitori della neuraminidasi), ma è resistente ad una seconda classe di farmaci antivirali (inibitori della M2). In tutto il mondo, la maggior parte dei pazienti infettati con il virus della pandemia continuano a mostrare tipici sintomi dell’influenza e a guarire completamente entro una settimana, anche senza alcuna forma di trattamento medico. La cosa importante è che i pazienti sani con una semplice malattia non hanno bisogno di essere curati con farmaci antivirali.

Ogni singolo caso deve essere basato sulla valutazione clinica e sulle conoscenze circa la presenza del virus nella comunità. Nelle zone in cui il virus sta circolando ampiamente, medici rilevano pazienti con malattie simil-influenzali. Il trattamento non deve attendere le decisioni per la conferma del laboratorio sull’infezione da H1N1. Questa raccomandazione è supportata da relazioni secondo cui, da tutti i siti del focolaio, il virus H1N1 diventa rapidamente il ceppo dominante.

Curare un paziente con oseltamivir, se correttamente prescritto, può ridurre in modo significativo il rischio di polmonite (una delle principali cause di morte per entrambi i tipi di influenza), insieme al ricovero. Per i pazienti che presentano inizialmente gravi malattie o il cui stato di salute inizia a peggiorare, l’OMS raccomanda il trattamento con oseltamivir nel più breve tempo possibile. Gli studi dimostrano che il trattamento precoce, preferibilmente entro 48 ore dopo l’insorgenza dei sintomi, è fortemente associato con un migliore risultato clinico. Per i pazienti con malattia grave o deterioramento, il trattamento deve essere iniziato, anche se più tardi. Se non è disponibile l’oseltamivir o non può essere utilizzato per qualsiasi motivo, può essere dato il zanamivir.

Questa raccomandazione si applica a tutti i gruppi di pazienti, comprese le donne incinte, e tutti i gruppi di età, compresi i bambini e neonati. Le donne incinte sono incluse tra i gruppi a maggior rischio. Per loro l’OMS raccomanda un trattamento antivirale non appena possibile dopo l’insorgenza dei sintomi. Recentemente sono stati sollevati dubbi circa l’opportunità di somministrare ai bambini farmaci antivirali. Per adesso l’OMS raccomanda un pronto trattamento antivirale per bambini con gravi sintomi, e per quelli più a rischio di malattia grave o complicata. Questa raccomandazione comprende anche i bambini di età inferiore ai cinque anni.

Questi i sintomi segnalati da cui si sospetta l’infezione:

  • Mancanza di respiro, sia durante l’attività fisica che a riposo;
  • Difficoltà a respirare;
  • Colorito bluastro;
  • Saliva con sangue;
  • Dolore toracico;
  • Stato mentale alterato;
  • Febbre alta che persiste al di là dei 3 giorni;
  • Bassa pressione sanguigna.

Nei bambini, i sintomi pericolosi comprendono anche veloce o difficile respirazione, la mancanza di attenzione, difficoltà a svegliarsi, e poca o nessuna voglia di giocare.

[Fonte: Oms]

Commenti (3)

  1. fatte chiarezza, per favore

  2. Non se ne può più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>