Linfoadenopatia generalizzata (linfonodi ingrossati): quali cause?

di Cinzia Iannaccio 1

 Linfonodi ingrossati in tutto il corpo, all’inguine, al collo, all’addome. Il termine medico è Linfoadenopatia generalizzata. Quali cause? Ne parliamo con il dottor Carlo Pastore oncologo.

Richiesta di Consulto Medico

“Salve.. un anno fa mi sono accorto della presenza di alcuni linfonodi al collo accompagnato da febbricola persistente intorno ai 37 C ! dopo sei mesi svanito il senso di debolezza e di febbre mi accorgo invece della presenza di altri linfonodi ( lombari e addominali) ho effettuato una serie di analisi che vi elencherò qui di seguito senza riscontrare una possibile causa ! mi chiedo dunque quale possa essere la causa del rigonfiamento dei linfonodi ..attendo una risposta in merito distinti saluti.

Ecografia collo opacità ovalari ipoecogene a contorni regolari di dimensioni variabili e con diametro max di 1,8 cm si rilevano a sede latero-cervicale bilatralmente e sotto mandibolare sinistra ascrivibili a molta verosomiglianza a linfonodi di tipo reattivo, da controllare dopo terapia medica. eco addome in toto fegato in sede, di dimensioni nella norma a struttura omogeneamente ecogena. non dilatazioni delle vie biliari epatiche ed ilari colecisti alitiasica asse portale regolare pancreas di dimensioni nell norma senza alterazioni strutturali. in sede paraortica sinistra , in regione sovra renale , si apprezzano tre formazioni ipoecogene, capsulate del diametro max di 22mm, di natura adenopatica. milza nei limiti della norma. all’ilo splenuico si apprezza adenopatia di 22mm nulla a carico dei reni non calcoli o cavità idfronefrotiche d’ambo i lati. normale morfologia delle anse digiunoileali, normoperistaltiche, con normale contenuto idroaereo. iperecogenicità della cornice colica. la vescica appare distesa a pareti regolari. utile completamento con tac toraco-addominale con mdc.

tac addome completo con contrasto esame eseguito con tecnica spirale multifasica dopo bolo di mdc fegato con regolare morfologia e dimensioni: la densità è omogenea non lesioni focali epatiche in atto. non dilatazioni delee vie biliari intra od extraepatiche. milza con regolare morfologia e dimensioni: la densità è omogenea. pancreas con regolare morfologia: non lesioni espansive. reni in sede con regolari morfologia e dimesnioni: regolare la eliminazione dell’urina opaca bilateralmente surreni in sede con regolare morfologia e dimensioni: non lesioni espansive non riconoscibili linfonodi patologici per numero o per dimensioni nei piani in esame vescica ben espansa a profili regolari prostata aumentata di volume; disomogeneamente addensato il tessuto retrovescicale (prostata? intestino?) : si suggerisce completamentpo di iter diagnostico attraverso eco della prostata per via transrettale e attraverso colonscopia tac torace con mdc non lesioni pleuro-parenchimali in atto mediastino in asse : non lesioni espansive a partenza mediastinica regolari i grossi vasi mediastinici esami del sangue nella norma BETA 2 MICROGLOBULINA 2,31 MCG/ML VAL. DI RIFERIMENTO 1,6/2,52 TOXOPLASMA ANTICORPI IGG NEGATIVO IGM NEGATIVO VIRUS IMMUNODEF.ACQUISITA (HIV) ANTIC. NEGATIVO EPSTEIN BARR VIRUS ANTICORPI IGG POSITIVO (200) IGM NEGATIVO (4).”

 

Specializzazione Oncologia

Tipo di Problema linfoadenopatia generalizzata

Risponde il dottor Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica presso la Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology).

“Gentile Utente, rispondo con i limiti di un consulto online, senza la possibilità di vista clinica e dati anamnestici più dettagliati. Per quanto riportato osservo che i linfonodi rilevati in ecografia non vengono confermati all’esame TC con mdc. Questo fa supporre che i linfonodi sono stati classificati di tipo reattivo (infiammatorio) e sono andati decrescendo per dimensione con il tempo. L’ipotesi più plausibile appare una infezione, probabilmente per sintomatologia e positività IgG, da virus di Epstein-Barr (gli anticorpi IgG sono indice di infezione pregressa, superata rispetto alla fase acuta). Nello scritto rilevo il consiglio di ecografia prostatica transrettale e colonscopia: utili suggerimenti, in generale, nell’ottica di uno screening di prevenzione oncologica. Cari saluti ed in bocca al lupo per tutto. Dr. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Linfonodi ingrossati: cause, sintomi e terapie

Per altre domande ai nostri specialisti visitate la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>