Lotta al melanoma: arriva un farmaco che allunga la vita

di Marco Mancini 25

Nuove speranze nella lotta al melanoma arrivano dal congresso dell’Asco (American Society of Clinical Oncology) di Orlando, in Florida. Oltre 30 mila specialisti di tutto il mondo si sono radunati nello Stato americano per discutere di una nuova terapia rivoluzionaria.

Si tratta di una sorta di vaccino che non guarisce completamente dal cancro della pelle, ma per adesso è in grado di allungare la vita del paziente di almeno 5 mesi sopra la media. Non è un passo da niente, visto che per arrivare ad una terapia completa bisogna proprio partire da qui.

Inventato dal Dipartimento di Oncologia Medica e Melanoma all’A. D. Anderson dell’Università del Texas, si tratta di un farmaco che blocca la crescita delle cellule malate. Una volta iniettato nel corpo del paziente, esso attiva le cellule T citotossiche, quelle responsabili della risposta immunitaria, le quali sono in grado di distinguere la membrana malata da quella sana, attaccare le cellule tumorali e distruggerle.

Spiega Douglas Schwartzenruber, uno dei responsabili dello studio e Direttore medico al Centro dei Tumori del Goshen Health System in Indiana:

Siamo davanti a risultati molto incoraggianti. Si tratta di un vaccino contro la forma metastatica ed è costituito da una parte di proteina presente sulle cellule del melanoma, che gli permette di agire in maniera mirata.

La sperimentazione ha coinvolto due gruppi di pazienti. Ad uno era stata assegnata la terapia standard con la quale si sono curati i pazienti fino ad oggi, ad un altro era stata assegnata l’interleuchina 2 (IL-2), cioè questo nuovo vaccino. Inutile dirlo, i risultati migliori si sono ottenuti con la nuova terapia, che allungava la vita ai pazienti di circa 5 mesi.

Fanno sapere dalle Università che stanno studiando questo vaccino che la strada da percorrere è ancora lunga, e questo non è che il primo passo verso una possibile cura per il melanoma. Una cura che potrebbe anche coinvolgere una nuova terapia, presentata da Ascierto nello stesso meeting di Orlando. Questa cura prevede l’utilizzo di “ipilimumab“, una molecola che agisce sulle cellule del sistema immunitario, le quali rimuovono gli ostacoli creati dal cancro che lo rendono resistente alle terapie antitumorali, favorendo la guarigione, o perlomeno allungando l’aspettativa di vita.

[Fonte: Repubblica]

Commenti (25)

  1. sono una malata di melanoma al IV stadio e sono, chiaramente, molto interessata al nuovo farmaco ipilimumab. dove si può accedere a questo tipo di sperimentazione visto che da quello che so in Italia non c’è ancora il farmaco?

  2. mi spiace ma non disponiamo di questa informazione. Quelle riferite sono soltanto scoperte recenti, ma a causa dei periodi di sperimentazione molto lunghi, ancora non sono entrate in commercio. Sicuramente il suo medico sarà più aggiornato di noi su questi farmaci.

  3. ciao antonella.io ho tolto un melanoma nel luglio 2009.a settembre ho fatto il linfonodo sentinella ed essendo positivo a ottobre ho fatto una linfoadenoctemia inguinale,in pratica mi hanno tolto i linfonodi inguinali,di cui altri e 3 positivi. ho avuto 2 proposte: vaccino con chemio e interferone,che nn ho potuto fare a causa di un valore nel sangue nn conforme al vaccino e l’ipilimumab. ho cominciato la terapia a gennaio al regina elena di roma.ma sono stato anche a milano,dove mi hanno proposto sempre l’ipilimumab,sia all’istituto nazionale tumori che all’europeo.quindi nn è vero che ancora non è in commercio

  4. Ciao Lucio, anch’io come te ho avuto problemi con un melanoma con 2 recidive. In merito a ipilimumab bisogna avere un antigene perticolare o lo può fare chiunque? Grazie

  5. ciao sono michela mio padre e affetto da melanoma metastico al III-IV stadio ha fatto un anno di interferone dopo essersi operato. a distanza di 10mesi sono comparsi nuovi linfonodi è stato trattato con elettrochemio più chemioterapia,adesso sono comparsi a distanza di circa 2 mesi nuovi linfonodi deve essere sottoposto al nuovo farmaco IPILIMUMAB che attendiamo da Milano. se qualcuno ne a già fatto uso vorrei sapere come sta.
    grazie se potete rispondete. vi darò notizie anche io..

  6. @ antonella:
    Cara Antonella, se può esserti ancora utile l’ipilimumab lo fanno al San Raffaele di Milano. In bocca al lupo!

  7. <bciao, sono Daiana ed ho 26 anni, anch'io è da 6 anni che convivo col melanoma ed ho provato un pò di tutto da operazioni interferone chemio elettrochemio trafusioni ecc.., ora dovrei provare anch'io questo nuovo farmaco dall'america e sarei lieta se chi l'avesse provato mi scrivesse come si è trovato.., io vengo seguita a Padova quindi Antonella parla bene con il tuo oncologo/a che il farmaco lo puoi avere..basta che tu abbia una tac che confermi la presenza dellaa malattia..in bocca al lupo e ricorda NON MOLLARE MAI noi siamo più forti 😉

  8. salve,anch’io sono 4 anni che combatto contro questa malattia.dopo varie operazioni e chemio tra due settimane affonterò questa nuova terapia dell’ipilimumab al regina elena di roma e vorrei sapere quali effetti collaterali ha…se è come la tradizionale chemio.

  9. ciao sabino.per quanto riguarda l’ipilimumab penso che lo possano fare tutti. c’è una terapia col vaccino dove bisogna avere un valore particolare nel sangue,che adesso nn ricordo quale sia.ciao in bocca al lupo

  10. ciao federica.io ho cominciato l’ipilimumab a gennaio.dopo la prima infusione ho avuto la febbre oltre 39 e brividi da saltare nel letto per 2 giorni.dalla seconda sentivo un pò di brividi e basta.però da come dice l’oncologa non si sa se effettivamente ho fatto il farmaco o placebo,perchè lo sa solo la casa farmaceutica. io sostengo di averla fatta perchè di solito nn prendo la febbre nemmeno in pieno inverno,e quando raramente succede nn supera 38,5 e per 1 giorno.avrei dovuto farla a settembre,ma ho dovuto sospenderla perchè adesso ho riscontrato un tumore al fegato,conseguenza del melanoma.cmq nn è come la chemio: si fa un’infusione di 90 minuti per endovena.le prime 4 ogni 21 giorni e le successive ogni 12 settimane,e si tratta di immunoterapia,cioè anticorpi che andrebbero a rinforzare il sistema immunitario.cmq prima di cominciare ti dovrebbero dare il protocollo,dove sono spiegati tutti gli effetti collaterali. tutti nn me li ricordo;cmq febbre,vomito,nausea,rossori cutanei,ecc.in bocca al lupo e spero che tu sia più fortunata

  11. ciao lucio…ma quindi se è immunoterapia..il sistema immunitario si rafforza e dovrebbe combattere da solo il melanoma?cioè..il farmaco non colpisce direttamente come la chemio..e si deve sperare che il corpo reagisca da solo…giusto?…in bocca al lupo

  12. ciao daiana.da come ho letto il farmaco dovrebbe impedire al sistema immunitario di non difendersi dalle cellule di melanoma e quindi combatterle.il problema è ke hai il 50% di possibilità ke tu faccia il farmaco,come sai.tu dici ke sono 6 anni ke hai avuto il melanoma…e cominci adesso l’ipilimumab:mi sembra strano xkè a me hanno detto ke avevo 3 mesi di tempo x cominciare la terapia dopo aver fatto la linfoadenoctemia inguinale.dici anche che hai fatto altre operazioni.perchè? hai avuto problemi come me,cioè altre forme tumorali,recidive del melanoma? a me a distanza di un anno e poco più d’aver tolto il melanoma,si è formata una metastasi al fegato.adesso devo cominciare la chemio e poi faccio una laporoscopia x torglierla.ciao fammi sapere e tanti auguri se cominci l’ipilimumab.
    P.S. : anch’io ho 26 anni….quanto mi fa rabbia star qui a parlare di queste cose invece di pensare a tante altre più belle,però dobbiamo lottare e crederci,non ci si può arrendere

  13. Ciao a tutti, mia madre è affetta da melanoma su tutta la gamba dx. Ha nei grandi come mele, ma fortunatamente dentro è completamente pulita. Dopo varie operazioni, interferone, ipertermia, chemioterapia si trova ormai ad affrontare la 3° dose di ipilimumab presso l’IRST di meldola (Forlì). Gli effetti indesiderati che attualmente sopporta sono: Totale mancanza di appetito, nausea, vomito,stipsi, dolori lancinanti su tutta la parte interessata (che prima della terapia non aveva), dolori articolari, ma soprattutto una grande debolezza. Volevo sapere se qualcuno che stà facendo la stessa terapia riscontra gli stessi effetti. Grazie… e coraggio!

  14. @ michela:
    Ciao. Mio padre ha fatto una cura sperimentale a ll?IEO (Istituto Europeo di Oncologia) a Milano. Dopo 3 anni di cure, senza controindicazioni particolari, pare sia guarito dal melanoma. Dopo l’infusione gli veniva la febbre per un giorno circa e basta. La stipsi era un problema che ogni tanto aveva prima. Comunque gli hanno prescritto Levolac (un nome simile… è lattulosio). Poichè era una cura sperimentale, non si sa se gli abbiano dato placebo o ipilimumab ma è andata bene. purtroppo però ora è in ospedale per una strana infezione da germi patogeni che gli ha dato febbre per settimane. spero non ci sia alcun nesso tra le due cose. Spero che tua madre stia meglio…. Auguri.

  15. @ Daniela:
    Purtroppo quando a vista d’occhio il melanoma regrediva, molti effetti collaterali svanivano e i dolori alla gamba non c’erano più, mia madre è caduta di colpo in uno stato di semincoscenza, urlava senza nessun motivo particolare senza rendersi conto. Non voleva più darsi forza e quando la cambiavo e medicavo diventava aggressiva e addirittura mi mordeva. In compenso aveva ricominciato a mangiare. Tutto questo nelle ultime due settimane. La mattina del 12 novembre era ormai andata in una specie di coma, respirava malissimo e infatti alle 21e30 è morta dopo un anno di ogno sorta di cure e vane speranze. Quando l’ho vestita dopo la morte, quella bestia era ancora li, a vista sulla sua gamba, vincente e nera sotto il suo bel completo.

  16. @ Veronica:
    Mi dispiace. condoglianze. Hai descritto una situazione che mi ha fatto venire i brividi. Un saluto affettuoso.

  17. @ antonella:
    ciao sono na dottoressa con un melanoma in stadio 3 L ipilimumab lo faccio all ieo di milano cari saluti

  18. Ciao, volevo solo augurarti una pronta guarigione. Forza!
    @ Anna Acciarino:

  19. ciao a tutti.mio fratello come alcuni di voi,sta vivendo la stessa cosa,fatevi forza aggrappatevi alla vita e non mollate,lottate,potete richiedere l’ipilimumab tramite ospedali oncologici,napoli,milano,roma e altri,passeranno circa 20 gg.all’arrivo del farmaco,vi auguro buonafortuna e non mollate un abbraccioa tutti voi come per mio fratello.

  20. @ Anna Acciarino:
    ciao Anna, mio marito da cinque mesi è seguito allo IEO di Milano, ma a tutt’oggi ha fatto solo 2 ECT, ma ipilimumab non gli è stato mai proposto: come mai secondo te?

  21. mia suocera ha metastasi da melanoma quasi per tutto il corpo e proprio oggi le hanno fatto la prima chemioterapia….la prossima e fra 21 giorni e nel frattempo le hanno dato cmq delle pillole!!!!cmq sta in cura al pascale di napoli!!!!Un bacio e buona fortuna !!!!!@ antonella:

  22. @ imma:
    ciao io sono in cura al regina elena di roma ma proprio lunedì la mia oncologa mi ha mandata dal dott ascierto del pascale per una nuova terapia….mi hanno detto che lì sono molto bravi e hanno molti protocolli di terapie…anch’io ho fatto la chemio e varie terapie…un grande in bocca al lupo per tua suocera e non mollate perchè si può guarire da questo mostro…ciao!

  23. ciao antonella io sono in cura al regina elena di roma (IFO) ma proprio lunedì la mia oncologa mi ha mandata dal dott. Ascierto del pascale per una nuova terapia che dovrei iniziare. Hanno molti protocolli che all’ifo non ancora hanno oltre che il primario il dott. Ascierto che è molto bravo…auguro a tua suocera un grande in bocca al lupo e di non mollare mai perchè si può guarire da questo mostro!

  24. ciao lucio volevo sapere come era andato dopo che hai fatto ipilimumab io sto lottando con mia moglie che lo ha fatto ma nn abbiamo visto risultati positivi.

  25. Bunasera! Ieri hanno sospeso a mio marito la 2° infusione di IPIlimumab perchè i valori del sangue non erano confortanti. I medici dicono che rene e polmone dx sono compromessi… A qualcuno di voi è capitato di interromperlo e poi riprenderlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>