Terapia radioiodio per tumore tiroide, gravidanza dopo quanto?

di Cinzia Iannaccio 1

Richiesta di Consulto Medico
“Buongiorno Dott., Ho 45 anni e nel mese di Giugno c.a. sono stato sottoposto ad intervento chirurgico per asportazione di carcinoma follicolare del lobo sx della tiroide. In data 29.10 c.a. sono stato ricoverato per terapia radioiodio con assunzione di capsula contenente 2960 MBq (80,0 mCi) di radioiodio (I) e dimesso in data 31.10 c.a. Dato che io e mia moglie abbiamo intenzione di avere un altro figlio, quanto tempo occorre aspettare? E’ necessario fare un esame dello sperma per verificare alterazioni dei gameti? RingraziandoLa anticipatamente distinti saluti.”

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Terapia radioiodio

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per contatti diretti Email: [email protected] cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81.

 

“Salve , in genere si consiglia un’ attesa di 6 mesi; non vedo la necessità di approfondimenti che si potrebbe rendere indispensabile solo se dovesse verificarsi un mancato concepimento. Stia tranquillo e cordiali saluti”

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Mario Francesco Iasevoli

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Nodulo alla tiroide: freddo, caldo, vascolarizzato, o solido, quale è la differenza?

Noduli alla tiroide solidi ed ipoecogeni: endocrinologo risponde

Noduli tiroide, quali controlli da fare?

Ecografia tiroide e noduli ipoecogeni, endocrinologo risponde

Noduli alla tiroide, la scheda

I noduli alla tiroide sono pericolosi? Quali sintomi?

Disfunzioni della tiroide

 

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

 

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>