Condropatia femoro-rotulea (ginocchio), quale cura efficace? Ortopedico risponde

di Cinzia Iannaccio 0

Quale cura in caso di Condropatia femoro-rotulea (del ginocchio)? Ne parliamo nel nostro Consulto Online su Medicinalive con l’ortopedico Professor Francesco Bizzarri.

Richiesta di Consulto Medico

“Buon giorno dottore vorrei un parere riguardante la risonanza magnetica che ho effettuato. Condropatia – femoro rotulea con versamento nell ‘ articolazione ed alterazioni condrali anche al fondo della gola trocleare su entrambe le faccette, lievemente assottigliato il panno cartilageneo di rivestimento del condilo mediale con piccola area di sfumato edema al terzo anteriore, versata la regione inter condilica, inoltre ho il ginocchio piuttosto gonfio e dolore laterale. Ho eseguito anche della fisioterapia ma con nessun risultato. Grazie Arrivederci”

 

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport

Tipo di Problema ginocchio

Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica:

” Che età ha il paziente? Il problema è di natura traumatica?’ O parliamo di una persona anziana? Purtroppo con così pochi dati è difficile dare risposte. Da quello che è scritto…si potrebbe fare un artrocentesi e contemporaneamente infiltrare del cortisone o gel piastrinico; si potrebbe fare una artroscopia di pulizia. Il tutto dipende molto dall’età . Saluti F.Bizzarri 338/5665050.”

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Artrosi, lesioni cartilaginee e condropatie da usura/1

Artrosi,lesioni cartilaginee e condropatie da usura/2

Per altri quesiti potete consultare la nostra pagina: “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive“ e riempire il form per l’invio del quesito.

E’ necessario sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>