Studio USA riscatta i videogiochi: stimolano la creatività

di Salvina Commenta

Sembra proprio che i videogiochi siano destinati a riscattarsi presto dalla cattiva fama creata intorno a loro da una moltitudine di ricerche che ne hanno dimostrato la correlazione con l’aumento di ansia, insonnia e comportamenti violenti e aggressivi nei giovani.

Già qualche giorno fa vi avevamo parlato del grande successo riscosso, non solo presso i giovanissimi, dai cosiddetti neurosoftware, ovvero videogiochi pensati per esercitare la memoria, e di quelli creati apposta addirittura per dimagrire e mantenersi in forma come Wii fit, che comunque non ha mancato di attirare su di sè le critiche di qualche nutrizionista.

Adesso, a segnare un ulteriore punto a favore di playstation e co., arriva una ricerca statunitense secondo la quale i videogiochi stimolerebbero addirittura la creatività e la capacità di risolvere quesiti e problemi. Lo studio, condotto da Shyam Sundar, direttore del laboratorio di ricerca multimediale della Penn State University, ha coinvolto quasi 100 studenti ed è stato presentato alla 58/ima conferenza annuale della International Communication Association (ICA) a Montreal, in Canada.


I soggetti dello studio si sono cimentati in “Dance dance revolution”, un gioco musicale in cui il giocatore deve spostarsi su una pedana, virtuale o reale, a tempo di musica secondo le direzioni del computer. Le loro capacità creative e di risoluzione dei problemi sono state valutate mediante test costruiti ad hoc prima e dopo le partite. Inoltre, mediante misuratori di elettricità cutanea, è stato misurato il grado di eccitamento di ciascun giocatore.

Non solo i test eseguiti dopo la performance avrebbero mostrato un aumento obiettivo di capacità creative e di problem solving, ma i giocatori avrebbero anche dichiarato di sentirsi più rilassati. Adesso i ricercatori guidati da Sundar cercheranno di capire come trasformare i videogiochi in ausili didattici, a partire dalla comprensione degli elementi che agiscono positivamente sulla mente di chi gioca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>