Vaccinazioni: al via la “Settimana Mondiale dell’Immunizzazione”

di Cinzia Iannaccio 2

 Vaccinazioni. E’ partita ieri, quasi in sordina la prima settimana di immunizzazione a livello globale, voluta dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Per la priva volta, in contemporanea nelle regioni di Africa, Americhe, Mediterraneo orientale, l’Europa e il Pacifico occidentale si assiste ad una campagna di immunizzazione senza precedenti, necessaria per informare, ma anche salvare vite umane attraverso il semplice gesto della vaccinazione. Tra le attività: la diffusione di materiali di comunicazione ed educazione, nonché sessioni di formazione, workshop, mostre, conferenze stampa e tavole rotonde con i rappresentanti della politica.

In questa settimana sarà monitorato anche il numero delle persone non vaccinate e sarà attivata un intervento concreto su vasta scala. Il tutto anche grazie all’utilizzo di Child Health Days per offrire un pacchetto integrato di strumenti sanitari salva-vita: fornire integratori di vitamina A per rafforzare il sistema immunitario dei bambini e medicinali vermifughi, ma anche monitorare la crescita e la distribuzione di zanzariere trattate con insetticidi per prevenire la malaria. Piccole cose che ricordano come alcune malattie proprio come la malaria siano ben lungi dall’essere state debellate e questo nonostante l’esistenza dei farmaci per la profilassi. Spesso vi abbiamo parlato dell’importanza di vaccinazioni contro i vari ceppi dell’influenza: negli ultimi anni abbiamo imparato a conviverci con le varie tipologie. Ma abbiamo dimenticato forse dimenticato il ruolo di altre forme di prevenzione come le vaccinazioni obbligatorie o consigliate per i bambini. Un esempio è quello del morbillo che in questi giorni in Europa si sta sviluppando come una vera epidemia, con circa 6.000 casi dall’inizio dell’anno, contro un totale nel 2010 di circa 5.000 contagi! La causa probabilmente è nell’abbassamento dell’attenzione nei confronti di questa patologia che ci sembra “normale”, “da farsi”, ma che per alcuni può essere anche pericolosa.

A proposito dell’importanza della profilassi va inoltre ricordato il caso del vaiolo, debellato definitivamente grazie ad una vaccinazione obbligatoria di massa. Ma in questa settimana dedicata alle vaccinazioni torneremo sicuramente sul tema. Promesso.

Articoli correlati

Commenti (2)

  1. Purtroppo anche dietro ai vaccini ci sono interessi.

  2. @ Marche in Vemma:
    VERISSIMO, oltre agli interessi finanziari vi e’ l’interesse ada ampliare il mercato dei malati, percvhe’ i vaccini immunodeprimono i vaccinati e molto altro ancora ! vedi http://www.mednat.org/vaccini/dannivacc.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>