I sintomi dello stress da non trascurare

di Cinzia Iannaccio 7

Una delle parole più abusate di recente è sicuramente “stress”. Ma cosa si intende di preciso con questo termine e quali sono i sintomi da non trascurare? Etimologicamente deriva dall’inglese e significa “sforzo”, ma nel linguaggio comune si è diffuso il significato strettamente medico di disturbo dovuto ad eccessive sollecitazioni fisiche e mentali. In particolare si parla di una sindrome di adattamento a sollecitazioni (stressor), specifiche ed estreme. Può essere normale, dovuta cioè ad un abuso delle proprie forze, ma anche cronicizzare, con pericolosi risvolti sulla salute.

I sintomi fisici dello stress

Quando lo stress arriva a dei limiti pericolosi l’organismo attiva alcuni campanelli d’allarme: i sintomi. Questi sono diversi a seconda se lo stress arriva ad influenzare la mente, le emozioni ed il comportamento o il corpo. Dal punto di vista fisico i più frequenti sono:

I sintomi psicologici dello stress

Dal punto di vista mentale invece i primi campanelli d’allarme riguardano:

  • Ansia
  • Senso di irrequietezza
  • Difficoltà di concentrazione
  • Diminuzione della motivazione nel gestire le solite cose e generale abbassamento del tono dell’umore
  • Senso di rabbia continuo, nervosismo
  • Melanconia, tristezza, fino alla depressione

Lo stress modifica il comportamento abituale

Altri sintomi sono evidenziabili anche da alcuni atteggiamenti particolari: l’isolamento sociale, scatti d’ira e tendenza all’abuso di varie sostanze, a partire dal consumo compulsivo di cibo, di alcol, droghe e comunque di tabacco e sigarette.

I rischi per la salute dovuti allo stress

Se non ci si ferma per tempo, non si attivano delle pratiche antistress insomma, si rischia di superare il limite fisiologico, in maniera pericolosa per la salute: obesità, diabete, pressione alta, abbassamento delle difese immunitarie, malattie cardiovascolari, depressione grave, attacchi di panico. In tutti i casi è sempre importante prestare attenzione ai sintomi, rivolgersi ad un medico e cominciare a praticare alcune tecniche di gestione dello stress con l’ausilio di un esperto: a volte basta fare una costante attività fisica, apprendere alcune tecniche di rilassamento e meditazione, fare yoga e/o tai chi, tanto per citare qualche esempio.

 

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>