Cosa mangiare per prevenire i tumori?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su cosa mangiare per prevenire i tumori
Gentile Dottori, sono ipocondriaca ma nonostante ciò ho condotto uno stile di vita poco salutista: ho fumato una media di 10 sigarette al giorno dai 17 anni ad oggi che ne ho 36 ( ho effettuato però delle pause di 6 mesi o di due anni e da un anno ne fumo due tre al giorno), mi sono sempre concessa di bere alcolici il weekend, qualche volta ho esagerato, anche se negli ultimi anni non sono più viziosa, esco di rado e se bevo, è una birra piccola o media o al massimo un cocktail ( un cuba libre)……

……..Negli anni ho effettuato qualche radiografia , tac per un intervento all’orecchio, e l’anno scorso una mammografia che si prevede che dovrò effettuare ogni due anni per tenere sotto controllo una mastite fibrocistica. Ho trascorso ore al cellulare e sto oggi giornate intere al pc assorbendo onde radio ecc. Lo scorso anno ho effettuato una profilassi post esposizione. Bevo poca acqua, sono sempre stata stitica e sono molto sedentaria. Ho spesso abusato di sale in cucina. Da tre anni ho un ernia iatale e soffro di colon irritabile. Potete consigliarmi, in linea generale, quali cibi assumere per prevenire il cancro , malattie cardiovascolari e magari anche per “purificare ” il mio organismo dello stile di vita poco salutare condotto finora? Ho sempre mangiato poca frutta e verdura ma sto cercando di integrarla nei miei pasti giornalieri. Sono ancora in tempo per prevenire il cancro oppure ormai ho indebolito il mio organismo alimentandomi male e seguendo degli eccessi? Grazie per una vostra risposta.

 

Specializzazione Nutrizione Clinica
Tipo di Problema Cattive abitudini alimentari e prevenzione tumori, cosa mangiare?

 

 

Risponde la nutrizionista dottoressa Maria Assunta Coppola: per contatti diretti e visite cell. 328-2761714 – [email protected] a Pompei e Scafati (Na).

Cara A., in linea generale, per impostare un’alimentazione preventiva delle patologie oncologiche, dovresti incrementare l’assunzione di cibi antiossidanti, in grado di svolgere l’azione di “scavenger”, ovvero di “spazzini” dei radicali liberi, una delle principali cause di mutagenesi assieme ai raggi uv ed alcuni virus (come il Papilloma e l’ Helicobactel Pylori) causa di infiammazioni croniche. Inoltre dovresti incrementare l’assunzione di fibre, che limitano il contatto di alcuni cancerogeni alimentari con la mucosa del gastro-intestino. Abbondi dunque in verdura e frutta, preferendo quella a basso indice glicemico ( mela, melograno, kiwi poco maturo), e preferisca i cibi integrali, o quelli “antichi”, del tipo orzo, farro, avena, grano saraceno, miglio, quinoa.

Un ottima spezia che ha dimostrato proprietà anti-ossidanti è la curcuma, che va associata al pepe per essere correttamente assorbita a livello intestinale. Via libera al curry, dunque, per insaporire sia primi che secondi piatti, e al tè verde, ricco in catechine antiossidanti, da consumare preferibilmente a colazione e/o allo spuntino del pomeriggio. Non dimentichi inoltre le cipolle, l’aglio, l’origano e il basilico, per insaporire insalate e ortaggi, e per ridurre il consumo di sale, altro fattore di rischio per il carcinoma dello stomaco. Limiti al massimo le carni rosse, soprattutto quelle cotte alla brace, oltre che l’alcool, i latticini e gli insaccati. Mi permetto infine di suggerirle, anche se esula dalle mie competenze, una blanda attività fisica, da svolgere tutti i giorni ( basta una camminata a passo svelto di circa 30 minuti) che ha mostrato un importante impatto sulla prevenzione, non solo oncologica, ma anche delle così dette “malattie del benessere” ( come diabete, cardiopatie e sindrome metabolica ). Spero di esserle stata di aiuto, Cordialmente.

 

 

 

 

Leggi anche:

 

 

 

 

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

 

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>