Quali cibi con colon irritabile?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su cibi con colon irritabile
“Circa un mese fa’ mi è stata diagnosticata da un gastroenterologo la famosa sindrome del colon irritabile: il mio problema è che nonostante i medicinali prescrittomi dopo i pasti mi compare sempre mal di pancia e mi si forma sempre aria che provoca dolore e falsi stimoli defecatori. Volevo un consiglio se possibile sui cibi da evitare e quelli che potrei mangiare tranquillamente; mi è stato prescritto del benefibra in polvere ma ho notato che sto’ peggio; cordiali saluti e grazie.”

Specializzazione Dietologia
Tipo di Problema Colon irritabile e cibi

 

Risponde la nutrizionista dottoressa Maria Assunta Coppola: per contatti diretti e visite cell. 328-2761714 – [email protected] a Pompei e Scafati (Na).

 

Caro utente, Purtroppo ho informazioni insufficienti per poterla aiutare, manca soprattutto conoscere se è un colon irritabile con prevalenza di stipsi o diarrea. A seconda del caso, gli alimenti da evitare o preferire saranno differenti. Un consiglio generale è di evitare tutti gli alimenti che contengono lattosio e le verdure fermentabili, come cavolo, verza, broccoli,carciofi. Vanno inoltre evitate le fibre più irritanti, come la crusca . In commercio esistono integratori con fibre solubili,quali il Psyllo,e fermenti lattici ed enzimi digestivi che , per personale esperienza, danno buoni risultati. Infine un’attività fisica regolare ha dimostrato di migliorare e prevenire la sintomatologia acuta, aiutando a regolarizzare la persitalsi intestinale.
Mi tenga aggiornata,
Saluti

 

 

Leggi anche:

Colon irritabile, cibi In & Out | MedicinaLive

 

Per altri vostri quesiti compilate il form ed inviate la vostra richiesta:

“Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>