Il cioccolato fa bene al cuore, ma con moderazione

di Marco Mancini Commenta

Una tavoletta di cioccolato per San Valentino non è solo un dolce regalo, ma può anche essere un vantaggio per l’organismo. La composizione del cioccolato, che interagisce con il nostro corpo, è un’area di ricerca molto attiva negli ultimi anni. Diversi studi hanno riscontrato che in piccole quantità, il cioccolato fondente, in particolare, può aiutare a prevenire l’addensamento del sangue fino a mantenere sano il cuore e anche fornire alcune prestazioni anti-cancro.

Gli scienziati sono lungi dall’affermare che il cioccolato sia una panacea per tutti i mali, naturalmente. Come ogni amante del cioccolato sa, questo si presenta in molte forme. La forma dipende dal rapporto di quantità di cacao e burro, così come la quantità di zucchero e il latte che vengono aggiunti: non zuccherato, liquore di cioccolato puro, cioccolato fondente con un po’ di grassi e zuccheri aggiunti, cioccolato al latte, cioccolato bianco, a volte con aggiunta di oli vegetali. Meno zucchero porta il gusto ad essere più amaro. Ma con quel gusto amaro (che varia in base alla percentuale dei puro cacao), ci sono alcuni possibili benefici per la salute.

Alcuni studi hanno dimostrato che il cioccolato fondente contiene alcune sostanze chiamate polifenoli antiossidanti che possono aiutare a combattere l’infiammazione cronica dei tessuti del sistema circolatorio, un fattore di rischio per malattie cardiovascolari. Uno studio italiano ha dimostrato che le persone che mangiavano una moderata quantità di cioccolato fondente al giorno (circa 6,7 grammi) avevano livelli più bassi di una proteina associata all’infiammazione.

Altri studi hanno dimostrato che il cioccolato, come l’aspirina, rende meno probabile che le piastrine si condensino in un vaso sanguigno creando pericolosi coaguli che riducono la viscosità del sangue. Recenti ricerche hanno inoltre suggerito che questi stessi antiossidanti potrebbero contribuire a ridurre le probabilità di sviluppare il cancro, perché la lotta contro il danno cellulare può portare alla crescita del tumore.

La grande notizia di questo San Valentino è che oltre ad essere deliziosi, moderate quantità di cioccolato fondente possono svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro.

Queste le parole di Sally Scroggs, docente di educazione alla salute presso L’Università degli Studi del Centro di prevenzione del cancro del Texas. Ma andiamoci piano. Il cioccolato fondente è anche più denso del cioccolato al latte. Questo suggerisce che potrebbe ridurre la voglia di fare altri spuntini o mangiare dolci. I partecipanti allo studio sono stati a digiuno per 12 ore, poi hanno mangiato cioccolato fondente o al latte e quindi sono stati invitati a mangiare una pizza. Quelli che avevano mangiato il cioccolato fondente hanno mangiato meno pizza rispetto agli altri.

Naturalmente, ciò non significa che si può mangiare tutta la tavoletta di cioccolato in una sola volta e si hanno benefici per la salute. La moderazione è essenziale e può essere difficile. Ma se il desiderio per il cioccolato è troppo forte, la ricerca suggerisce una rapida passeggiata, la quale potrebbe frenare il desiderio di mangiare l’intera scatola a forma di cuore che vi è stata appena regalata.

[Fonte: Livescience]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>