Per dimagrire è meglio mangiare meno che aumentare l’attività fisica

di Paola 0

La più grande ricerca mai effettuata sull’obesità negli Stati Uniti è giunta al termine. Questo studio, cominciato nel 1970 e terminato pochi anni fa, ha rilevato che la causa dell’obesità è praticamente tutta dovuta ad un aumento dell’apporto calorico nel cibo dagli anni ’70 ad oggi. Questo spiegherebbe come mai la popolazione obesa di oggi è decuplicata rispetto a quella di una trentina di anni fa.

La gran parte dell’epidemia di obesità è stata causata quindi da un eccesso di calorie, ma anche alla riduzione di attività fisica registrata nello stesso lasso di tempo, anche se in maniera inferiore.

Ci sono state un sacco di ipotesi sulla ridotta attività fisica e una maggiore assunzione di energia come i principali responsabili dell’epidemia di obesità. Fino ad ora, nessuno ha proposto come quantificare i relativi contributi per l’aumento della obesità dal 1970. Questo studio dimostra che l’aumento di peso nella popolazione sembra essere spiegato dalla maggiore assunzione delle calorie. Sembra che i cambiamenti fisici di attività hanno svolto soltanto un ruolo minimo.

Queste le parole del capo dello studio, il professor Swinburn Boyd, presidente del World Health Organization Collaborating Centre for Obesity Prevention all’Università di Deakin, in Australia. Gli scienziati hanno iniziato l’osservazione su 1.399 adulti e 963 bambini per determinare quante calorie bruciavano in totale libertà, senza condizionamenti. Una volta che avevano determinato la quantità e la velocità di combustione di calorie per ogni persona , Swinburn e colleghi sono stati in grado di calcolare la quantità necessaria di cibo per gli adulti al fine di mantenere un peso stabile e quanto necessario per i bambini al fine di mantenere una normale curva di crescita.

Analizzando la quantità di cibo a disposizione per gli americani, e soprattutto il suo aumento dal 1970 al 2000, i ricercatori hanno potuto prevedere la quantità di peso che si aspettavano che gli americani guadagnassero in quel periodo. Essi hanno utilizzato i dati di un sondaggio rappresentativo a livello nazionale e hanno registrato il peso degli americani negli anni 1970 e all’inizio del 2000 per determinare l’effettivo aumento di peso nel corso di tale periodo.

Se l’effettivo aumento di peso fosse stato lo stesso che avevamo previsto, il responsabile sarebbe stata l’assunzione di cibo. In caso contrario significa che le modifiche nelle attività fisiche avrebbero svolto un ruolo importante.

I ricercatori hanno scoperto che nei bambini il previsto aumento di peso e quello effettivo corrispondevano esattamente, il che indica che gli aumenti di calorie assunte negli ultimi 30 anni potrebbero spiegare l’aumento di peso.

Per gli adulti, avevamo previsto che l’aumento sarebbe 10,8 kg di peso, ma in realtà sono stati 8,6 kg. Questo suggerisce che l’eccesso di cibo spiega ancora l’aumento di peso, ma che vi possono essere stati aumenti nell’attività fisica che lo hanno ridotto.

Per mantenere il peso medio degli anni ’70, avevamo bisogno di circa 350 calorie al giorno per i bambini (circa una lattina di bibita frizzante e una piccola porzione di patatine fritte) e di 500 calorie al giorno per gli adulti (circa un hamburger). Per raggiungere oggi gli stessi risultati di allora, per mantenere un peso forma, i bambini dovrebbero fare attività fisica ogni giorno per due ore e mezza, mentre per gli adulti basterebbero 110 minuti.

L’attività fisica, conclude lo studio, non dovrebbe essere ignorata come un contributo per ridurre l’obesità e dovrebbe continuare ad essere promossa visti i molti vantaggi. Ma per ridurre significativamente il peso basterebbe mangiare di meno.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>