The alla menta contro il mal di testa

di Piera Commenta

Il mal di testa è un disturbo molto comune che affligge molte persone: si possono verificare episodi sporadici, dovuti a particolari condizioni temporanee, ma anche a malesseri e stress, oppure il dolore può essere ricorrente e costituire quasi una patologia, temuta e molto sofferta sopratutto dalle donne, trasformandosi in emicrania. Il primo gesto che viene da fare è assumere immediatamente una antidolorifico, ma in realtà esistono dei rimedi naturali efficaci che possono essere adoperati come alternativa.

Anche se nelle forme più gravi i farmaci diventano quasi indispensabili, un gruppo di ricercatori dell’ Università di Newcastle ha evidenziato come un infuso alla menta, un antico rimedio utilizzato in Brasile, possa agire efficacemente come un’ Aspirina.

In Brasile, infatti, già nei tempi antichi, i guaritori erano soliti curare disturbi come mal di testa e dolori addominali con una preparazione a base di foglie di menta brasiliana, scientificamente conosciuta come Hyptis crenata. Così, seguendo la vecchia tradizione, sono stati condotti alcuni studi per verificare le proprietà di questa pianta e si è notato che la menta è capace di agire proprio come la indometacina, un farmaco di sintesi. La sperimentazione è stata condotta sui topi ed il risultato non ha stupito più di tanto l’equipe guidata da Gabriela Rocha che sostiene come in natura, in realtà, siano circa 5mila le piante medicinali.

Per prerare un efficace infuso anti-dolorifico bisogna tenere in infusione le foglie di Hyptis crenata per trenta minuti, poi filtrare il liquido e bere la bevanda fredda. Anche se in Italia non è facile trovare questa varietà di menta, si può utilizzare comunque la più diffusa menta piperita, che spesso cresce spontaneamente nei giardini, perchè anch’essa ha ottime proprietà: come infuso o tintura madre, infatti, agisce come analgesico, antinevralgico, spasmolitico gastrointestinale e svolge un’azione antibatterica e antisettica, ma bisogna prestare attenzione a non abusarne poichè può provocare insonnia e può irritare le mucose gastriche.

La prossima volta, prima di aprire il mobiletto dei farmaci, è meglio passare in cucina e provare ad assaggiare questo infuso naturale e dissetante.