Come perdere peso con tiroidite e in pre menopausa

di Cinzia Iannaccio 1

Richiesta di Consulto Medico
“Salve, sono una donna di quasi 50anni affetta da ipotiroidismo autoimmune (Hashimoto) e in pre-menopausa. Entrambi i problemi mi hanno portato nel giro di 4 anni a mettere 12 kg. Curo ipotiroidismo con Eutirox e come terapia contraccettiva la pillola. Evito quanto più possibile latte vaccino sostituendolo con latte riso o soia. Consumo cereali integrali e pasta di riso. Mangio poco e spesso (5 volte al giorno) e 4/5 volte alla settimana percorro a passo veloce circa 9 km… Non perdo un grammo… che fare? Grazie”

Specializzazione Nutrizione Clinica
Tipo di Problema Difficoltà a perdere peso

Risponde la nutrizionista dottoressa Maria Assunta Coppola: cell. 328-2761714 –  [email protected]

 

“Cara signora, le due condizioni, patologica la prima ( Tiroidite autoimmune di Hashimoto) e fisiologica la seconda ( pre-menopausa) se ben compensate con un’adeguata terapia, non comportano aumento ponderale. Piuttosto, la sua alimentazione mi lascia un po’ perplessa riguardo l’eccessivo uso di riso e prodotti a base di questo cereale che, a differenza di quel che si crede, è un alimento ad alto indice glicemico, in grado di stimolare proprio quegli ormoni che rallentano il dimagrimento. La mattina va benissimo il latte si soia, o in alternativa di avena, da associare a cereali alla crusca e una manciata di frutta secca ( mandorle o nocciole).  Per lo spuntino mattutino può optare per un frutto associato ad un’altra manciata di frutta secca. A pranzo preferisca l’orzo, il farro, il riso, ma solamente se integrale, e associ il tutto a legumi o altre fonti proteiche ( pesce, carni preferenzialmente bianche, ricotta, uova. Lo spuntino pomeridiano sarà uno yogurt a basso contenuto di grassi e un cucchiaino di crusca d’avena. La sera, un secondo piatto con abbondante verdura.

Purtroppo a volte la bilancia non è un buon indice di valutazione del peso corporeo, perchè se svolge attività fisica, anche blanda, potrebbe aver incrementato la quota di massa magra e, con essa, chilogrammi “buoni”, in grado di accellerarle il metabolismo a riposo, ma che sulla bilancia potrebbero demoralizzarla. Si rivolga ad un bravo professionista in grado di indagare in maniera più approfondita la sua composizione corporea, il suo quadro clinico e la sua alimentazione, indubbiamente inizierà a perdere i chili sperati. Le auguro in bocca al lupo,D.ssa Maria Assunta Coppola”.
Per altri quesiti da porre ai nostri esperti visitate la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive.
Ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.
Foto: Thinkstock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>