Pillola del giorno dopo, in Gran Bretagna via libera a minorenni non frena gravidanze indesiderate

di Paola 1

 La Gran Bretagna, ne abbiamo parlato spesso sulle pagine di MedicinaLive, è il Paese, tra quelli dell’Europa Occidentale, che fa registrare il più alto numero di gravidanze indesiderate tra i giovanissimi, nonché negli ultimi anni anche un vertiginoso e a dir poco allarmante incremento senza precedenti di infezioni sessuali e malattie sessualmente trasmissibili.

Gli esperti e le autorità sanitarie competenti in materia si interrogano da tempo su come frenare questo fenomeno servendosi di un’educazione sessuale più capillare, campagne massicce di informazione e prevenzione, servizi di ascolto e consulenza per i più giovani che si approcciano al sesso.
Una di queste misure, fortemente contestata, è stata senz’altro il via libera alla pillola del giorno dopo anche per le minorenni.

La brutta notizia è che la liberalizzazione non è servita a diminuire il numero di gravidanze indesiderate. Tutt’altro, le avrebbe aumentate, portando gli adolescenti a rapporti non protetti ed aumentando le malattie sessuali come la clamidia. Almeno a giudicare dai dati diffusi da un recento studio del Dipartimento di Economia della Nottingham University, riportati dal Daily Mail.

Chi in Inghilterra ha a disposizione dei centri in cui reperire la pillola gratuitamente si proteggerebbe di meno dalle malattie sessuali e dalle gravidanze non programmate, con un rischio del 12% più elevato rispetto a chi le ha a pagamento, registrato tra le under 16. Secondo gli economisti britannici che hanno curato lo studio:

Quasi sicuramente i giovani fanno più sesso non protetto. Se le politiche di questi enti locali stanno spendendo soldi per non avere buoni effetti, ma solo una conseguenza negativa non intenzionale, l’implicazione è che questi soldi devono essere spesi altrove.

Articoli correlati:

Padre a tredici anni, è boom di baby genitori in Gran Bretagna

Pillola del giorno dopo via sms alle undicenni, succede in Gran Bretagna per contrastare le babygravidanze

CCard, ecco come l’Inghilterra vuole ridurre le gravidanze indesiderate

Commenti (1)

  1. in realtà l’incidenza di malattie sessualmente trasmesse nelle ragazze con età inferiori a 16 anni viene confrontato con quello della popolazione generale: è scontato che ci sia un aumento: nel confronto c’è anche chi non fa sesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>