Protesi al seno, nuovo caso PIP?

di Valentina Cervelli Commenta

Protesi al seno: un nuovo caso scoppia in Francia. E chiama in causa la possibile correlazione tra una specifica tipologia di tumore ed il materiale utilizzato per questo ritocco estetico. E’ un nuovo caso PIP?

Non è un ricordo lontano il 2011: lo scandalo legato alle protesi PIP colpì anche l’Italia e dopo la denuncia in Francia di oltre 2000 donne per via del loro materiale difettoso e scadente (era silicone usato per sigillare, N.d.R.) il problema torna in qualche modo a presentarsi dopo che il numero di casi di un particolare tipo di tumore, il linfoma anaplastico a grandi cellule, ha iniziato a salire soprattutto in donne sottoposte a particolari impianti mammari. Entrando nello specifico di questo nuovo scandalo medico, l’allarme è stato lanciato direttamente dall’Istituto nazionale dei tumori francese che sottolinea sul quotidiano Le Parisien:

Il rischio appare quantitativamente debole: 18 nuovi casi in Francia negli ultimi tre anni e un totale di 173 nel mondo, ma i numeri sembrano aumentare con una certa rapidità.

I numeri, lo sottolineiamo, non sono eccessivamente preoccupanti, ma è abbastanza facile comprendere perché le autorità sanitarie francesi abbiano lanciato l’allarme: è impossibile dimenticare quel che successe qualche anno fa con  le protesi Pip. Quel che non si può ignorare nella relazione dell’Istituto dei tumori francese è che nelle loro conclusioni gli esperti abbiano sostenuto che il rischio di sviluppare il linfoma anaplastico a grandi cellule in donne con impianti mammari sembra essere più di 200 volte superiore rispetto alla popolazione in generale.

Motivo per il quale tra qualche giorno l’Agenzia nazionale di sicurezza dei Farmaci si riunirà per discutere sul tema, anche se ci si è affrettati a sottolineare contestualmente che le donne con protesi al seno non devono entrare nel panico e dare vita ad una corsa alla rimozione. Il caso verrà studiato adeguatamente. Nel nostro paese, intanto, sono 4 le donne sotto osservazione in tal senso, sottopostesi ad una mastoplastica additiva dopo un tumore al seno.

Photo Credits | UzFoto / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>