Camminare 2-3 ore a settimana riduce il rischio di ictus nelle donne

di Marco Mancini Commenta

Le donne che abitualmente camminano per due o più ore settimanali, oppure che di solito camminano a passo svelto (5 km all’ora o più velocemente) presentano un rischio significativamente più basso di ictus rispetto alle donne che non camminano, secondo un ampio studio a lungo termine riportato su Stroke: Journal of American Heart Association.

I rischi più bassi riguardano l’ictus totale, ischemico ed emorragico. Rispetto alle donne che non camminano molto, quelle che camminano a passo svelto presentano:

  • Un rischio del 30-37% più basso di qualsiasi tipo di ictus, a seconda delle ore che camminano;
  • Un rischio inferiore del 57-68% di ictus emorragico;
  • Un rischio inferiore del 21-25% di ictus ischemico.

L’attività fisica, anche camminare regolarmente, è un importante comportamento modificabile per la prevenzione dell’ictus. L’attività fisica è essenziale per promuovere la salute cardiovascolare e ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, e camminare è un modo per raggiungere tale attività fisica

ha dichiarato Jacob R. Sattelmair, autore e candidato al dottorato in epidemiologia alla Harvard School of Public Health a Boston, Mass. Più persone fisicamente attive hanno generalmente un minor rischio di ictus rispetto ai meno attivi, con le persone più attive che hanno un 25-30% di rischio in meno di contrarre ogni tipo di ictus, secondo gli studi precedenti.

Anche se il rapporto esatto tra diversi tipi di attività fisica e diversi sottotipi di ictus non è chiaro, i risultati di questo studio indicano che camminare, in particolare, è associato ad un più basso rischio di ictus

ha spiegato Sattelmair. I ricercatori hanno seguito 39.315 operatori sanitari di sesso femminile degli Stati Uniti (in media 54 anni, in prevalenza bianche) che partecipavano al Women’s Health Study. Ogni due o tre anni, le partecipanti hanno dichiarato la loro attività fisica nel tempo libero durante l’anno passato, ed in particolare il tempo trascorso facendo escursionismo, jogging, corsa, bicicletta, esercizio aerobico/danza aerobica, utilizzando attrezzi da ginnastica, giocando a tennis/squash, facendo nuoto, yoga e stretching/tonificante. Nessun comportamento sedentario o attività professionale è stato valutato.

Esse hanno inoltre segnalato il loro ritmo abituale, come camminare senza correre, casuale (circa 3 km/h), normale (3-4 km/h), vivace (4-6 km/h) o molto vivace (oltre 6 km/h).

Sattelmair ha notato che il passo d’uomo può essere valutato oggettivamente o in termini di livello di sforzo, utilizzando un monitor della frequenza cardiaca, lo sforzo auto-percepito, o una stima grezza come il “test del parlato“, in cui, con un cammino a ritmo serrato, si dovrebbe essere in grado di parlare, ma non di cantare. Se non è possibile parlare, bisogna rallentare un po’. Se si riesce a cantare, camminare un po’ più velocemente.

Durante 11,9 anni di controllo, 579 donne hanno avuto un ictus (473 sono stati gli ischemici, 102 erano emorragici e quattro erano di tipo sconosciuto). Le donne che erano più attive nel tempo libero hanno avuto il 17 % di probabilità in meno di avere qualsiasi tipo di ictus rispetto alle donne meno attive.

I ricercatori non hanno trovato un legame tra l’intensità dell’attività e la riduzione del rischio di ictus. L’associazione inversa tra attività fisica e rischio di ictus è simile tra i sessi, ma ci possono essere delle differenze tra uomini e donne per quanto riguarda il rischio di ictus e modelli di attività fisica.

Il rapporto esatto tra camminare e rischio di ictus identificato in questo studio non è direttamente generalizzabile per gli uomini. Negli studi precedenti, la relazione tra camminare e rischio di ictus tra gli uomini è stata incoerente

ha aggiunto lo studioso. L’American Heart Association raccomanda, per avere sostanziali benefici per la salute, che gli adulti dovrebbero fare almeno 150 minuti a settimana di attività fisica a moderata intensità o 75 minuti a settimana di forte intensità.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>