Nodulo tiroide causa tremore, nervosismo, tachicardia?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
Buongiorno, sono un ragazzo di 30 anni e vorrei espletarvi la mia problematica visto che numerose visite endocrinologhe, a mio modesto avviso, non risolvono la questione. Un giorno, alla fine di una giornata particolarmente faticosa e stressante a lavoro, di ritorno a casa, d’improvviso ho cominciato a tremare in maniera parecchio preoccupante, tant’è che ero alla guida ed ho dovuto lasciare il volante alla mia ragazza. Tremavo ovunque come se fossi in ipotermia…..

nodulo tiroide tremore

…..Non capendo quale potesse essere la causa, con il panico che cominciava a farsi consistente, decisi di dirigermi in ospedale, visto che tremavo da alcune ore ormai, senza sosta. Mi diedero un calmante e mi spedirono a casa. Il giorno dopo e per i successivi tre mesi i tremori erano inarrestabili, in aggiunta una prorompente tachicardia non solo al cuore ma la stessa alla gola e dietro la nuca, spasmi muscolari e nervosi di continuo, tic nervosi, ipertensione acuta. Dopo parecchi giorni cosi’ mi recai dal medico curante che sospettò disturbi alla tiroide, notando anche un po di gonfiore alla base del collo. [……]  L’ecografia confermò la presenza di un piccolo nodulo alla tiroide e la scintigrafia che era freddo, l’endocrinologo mi disse con molto distacco, rispetto alle mie sofferenze quotidiane, di tenermelo e di prendere il tiroxil per 5 mesi, con pausa di 1-2 mesi e poi riprenderlo. Lo presi per 1-2 mesi, ma non vedendo alcun risultato lo sospesi. Mi recai presso un altro endocrinologo, il quale confermò che non c’è alcuna relazione tra il nodulo tiroideo e tutti i sintomi da me elencati sopra, sintomi che mi ritrovo avere a tutt’oggi e che mi stanno rendendo la vita impossibile. Ciò che vi chiedo è appunto: come è possibile che, nonostante basti digitare banalmente nodulo tiroideo su internet i sintomi da me elencati sono PERFETTAMENTE plausibili, mentre invece gli endocrinologici presso i quali sono stato in cura si ostinano a non vedere alcuna relazione? Leggo da alcuni studi scientifici condotti da vostri colleghi che normalmente è vero non c’è alcuna relazione, tuttavia non è assolutamente raro che appunto questa relazione ci sia ECCOME con tutti questi sintomi. Cosa posso fare a riguardo, visto che sono grandemente esausto di convivere con tutte queste problematiche che mi rendono la giornata impossibile? Per giunta, tachicardia, nervosismo, agitazione, insonnia, sbalzi d’umore, leggera depressione, mi riportano iperseborrea che avevo sconfitto con la cura dell’acne e che, non a caso da quel giorno è tornata..

 

 

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Nodulo tiroide nervosismo tachicardia agitazione insonnia
Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

 

Salve, se i valori di tsh ft3 ft4 sono nella norma i sintomi descritti non possono essere correlati al nodulo tiroideo che determina sintomi solo se determina una iper o ipofunzione tiroidea oppure se così grande da andare a comprimere le strutture circostanti; quindi escludendo entrambe le condizioni direi che i sintomi descritti sono correlabili ad una condizione ansiosa che andrebbe valutata da uno specialista in psichiatria.

cordiali saluti

 

Leggi anche:

I noduli alla tiroide sono pericolosi? Quali sintomi?

 

 

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie: Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

 

 

 

 

 

Photo Credits | designer491 / Shutterstock.com