Nodulo alla tiroide vascolarizzato e ago aspirato, che significa?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico

Tipo di problema: nodulo tiroideo vascolarizzato

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche


“Buonasera, da una recente ecografia ho scoperto di avere un nodulo di 9 mm vascolarizzato e palpabile alla tiroide, la mia dottoressa mi ha detto che non è nulla da preoccuparsi e ora sono in attesa dell’esito dell’agoaspirato, ma cosa significa tutto questo?”

Risponde il dottor Mario Francesco Iasevoli medico- chirurgo, andrologo e specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo

“La presenza di noduli solidi all’interno della ghiandola tiroidea è un riscontro molto frequente poichè la tiroide stessa tende a formare noduli per la struttura stessa. Il nodulo appare vascolarizzato anche se non viene specificato se perifericamente o internamente; comunque la vascolarizzazione nodulare soprattutto periferica è molto frequente da osservare senza che ciò abbia nessun particolare significato diagnostico proprio perchè la ghiandola è altamente vascolarizzata fisiologicamente. Tale reperto ha fatto optare la collega per un esame istologico, anche se non lo ritengo strettamente necessario per la grandezza del nodulo. In genere si tendono ad analizzare lesioni solide maggiori di un (1) cm. Penso che l’esame istologico risulterà negativa e quindi lei avrà diagnosi di nodulo benigno semplice che va solo tenuto sotto osservazione con un eco color doppler tiroide e collo e indagini biochimiche comprendenti TSH FT3 FT4, CAlcitotina una volta all’anno e non richiede alcun trattamento.  SPero di essere stato utile Cordiali saluti [email protected] cell. 3458092414.”

Leggi anche:

Per altri vostri quesiti  compilate il form ed inviate la vostra richiesta: “Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”.

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>