Ha la leucemia e recita in “L’abbiamo fatta grossa” di Verdone (FOTO)

di Valentina Cervelli Commenta

La leucemia può non essere un impedimento alla vita. Un problema sì, ma da combattere. Un ragazzo di 17 anni, grazie alla fondazione “Make a Wish Onlus-Italia” ha avuto modo di recitare nell’ultimo film di Carlo Verdone, “L’abbiamo fatta grossa“.

carlo verdone make a wish

Questa è la storia di Rocco, affetto da leucemia. Il suo era un desiderio che sembrava impossibile da realizzare sia per la mancanza di una concreta possibilità sia per via della sua salute. Il giovane ha scoperto di essere malato in seconda liceo. Da sempre appassionato di teatro e recitazione, il ragazzo voleva conoscere da vicino il magico mondo del cinema. L’emozione di stare su un set, recitare qualche battuta ed avere la possibilità di sperimentare le interazioni che questo mondo porta con sé.  Fu convinto dalla sua ragazza a fare richiesta. Lisa, conosciuta in ospedale, non ce l’ha fatta purtroppo a vedere realizzarsi il suo sogno. Dopo la morte di quest’ultima è stata la famiglia di Rocco a spingere affinché lo stesso finalmente realizzasse il suo sogno.

La malattia del ragazzo, la leucemia, non è sempre facile o possibile da combattere. Non si hanno informazioni sulla tipologia che affligge il ragazzo. Ma a prescindere da questo particolare, il messaggio che nasce dalla sua storia è quello di non smettere mai di sognare, anche quando una patologia difficile da curare mette a rischio la propria esistenza.  Antonio Albanese e Carlo Verdone hanno modificato leggermente lo script per creare una piccola parte per lui:

E’ stata un’esperienza fantastica tutto il cast mi ha accolto a braccia aperte, assegnandomi addirittura un camerino riservato, proprio come un vero attore. Per questo ringrazio il team di Make-A-Wish e, in particolare, Cristiana, Silvia e Tiziano che con grande impegno e calore hanno reso possibile il mio desiderio, ma anche mia madre Mirella e mio fratello Raffaele che ancora una volta mi hanno accompagnato e mi sono stati vicini. E grazie, soprattutto a Carlo Verdone che con Antonio Albanese ha stravolto il copione per assegnarmi un paio di battute, fidandosi di me e mostrandosi sempre disponibile e attento. E adesso non mi resta che aspettare che esca il film per godermi la mia prima volta sul grande schermo.