Da lungo tempo lo stress è al centro di una moltitudine di studi e ricerche che ne hanno dimostrato gli effetti negativi sul nostro stato di salute. E’ ormai accertato infatti che alti livelli di stress, soprattutto prolungato, possono essere la causa di alcune patologie o rappresentare un fattore di rischio per la loro insorgenza in persone sane, o addirittura ostacolare la guarigione in caso di malattia. Lo stress può causare infatti un abbassamento delle difese immunitarie ed esporre al rischio di sviluppare patologie cardiovascolari, dello stomaco e dell’intestino oltre che malesseri psichici. Ma non solo: già da qualche anno infatti diversi studi hanno dimostrato che alti livelli di stress possono danneggiare anche il cervello con ricadute negative sulle nostre facoltà mentali.


E’ di questi giorni uno studio condotto da un gruppo di ricercatori californiani che hanno stimolato in cavie di laboratorio la produzione di corticotropina, una sostanza prodotta dal nostro cervello in condizioni di stress. Gli studiosi hanno osservato quindi che da ciò derivava un aumento massiccio della quantità di cortisolo che, come già mostrato da studi precedenti, condotti prima sulle scimmie e poi sull’uomo, danneggia l’ippocampo, una struttura cerebrale fondamentale per la memoria. Già uno studio canadese condotto nel 2007 da Sonia J. Lupien aveva mostrato che elevati livelli di cortisolo in soggetti sani potevano causare nel tempo una riduzione del 14 % dell’ippocampo e danni alla memoria e alle altre facoltà cognitive. Sempre la studiosa canadese aveva affermato che limitare la produzione di cortisolo mentre si è ancora relativamente giovani può avere un ruolo fondamentale nella prevenzione della demenza senile, questo anche senza necessariamente ricorrere ai farmaci, ma anche semplicemente adottando uno stile di vita che ci tiene lontani dallo stress eccessivo.

Una prospettiva che appare sempre più remota in una società come la nostra caratterizzata da ritmi troppo elevati e nella quale “prendersela con calma” sembra davvero essere diventato un lusso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>