7 falsi miti sulla gravidanza

di Valentina Cervelli 0

 

La gestazione è un periodo particolare per le donne. Il loro corpo cambia per accogliere una nuova vita che ha esigenze. Bisogna fare attenzione a molte cose ma vi sono 7 miti sulla gravidanza che proprio non fanno parte di tutto ciò: scopriamo insieme quali sono.

1) Non si possono accarezzare i gatti

Bisogna fare attenzione perchè i gatti possono essere portatori di malattie come la toxoplasmosi, ma si tratta di patologie che si trasmettono attraverso la materia fecale. Se ci si lava le mani con attenzione dopo averli accarezzati non si rischia nulla.

2) Non si possono avere rapporti sessuali

Non è vero. Intorno alla fine della gestazione bisogna prestare attenzione per non stimolare delle false contrazioni, ma in linea di massima nulla vieta di fare sesso alla coppia: la penetrazione non rappresenta un problema.

3) Bere birra fa venire il latte

Questo è uno dei falsi miti più deleteri. Sebbene ci sia chi sostiene che due bicchieri di vino a settimana non facciano male, bere alcol può mettere a repentaglio lo sviluppo del feto e creare dei problemi. E’ meglio evitare.

4) Non bisogna bere caffè

Una tazzina di caffè al giorno non fa male. E’ qualcosa che la donna in gravidanza può concedersi senza che il piccolo nel suo grembo ne risenta.

5) Il burro di cacao combatte le smagliature

E’ un falso mito molto creativo. In realtà esso può essere in grado di dare vita a reazioni allergiche. Le smagliature si combattono rendendo elastica la pelle con creme appositamente create o oli naturali specifici.

6) Camminare velocizza il parto

Non è vero. Il parto non è influenzato da questa azione. Camminare mantiene in forma la donna incinta e la aiuta a livello circolatorio se l’attività fisica è calibrata per il trimestre in cui si trova, ma non funziona nemmeno come antidolorifico.

7) Bisogna mangiare per due

Sbagliato: la dieta deve essere calibrata, ricca di elementi buoni come gli omega 3, vitamine e fibre.

Photo Credits | Alena Root / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>