Cancro dell’esofago

di Marco Mancini 2

Cancro dell’esofago

Il cancro dell’esofago, o esofageo, è un tumore maligno dell’esofago.

CAUSE: Il cancro esofageo non è molto comune. E’ più spesso visto negli uomini sopra i 50 anni. Due sono i tipi principali di cancro esofageo: carcinoma a cellule squamose e adenocarcinoma. Questi due tipi si possono distinguere solo al microscopio.

Il carcinoma a cellule squamose dell’esofago è legato al fumo e al consumo di alcool. L’esofago di Barrett, una complicanza della malattia da reflusso gastroesofageo, aumenta il rischio di adenocarcinoma dell’esofago. Questo è il tipo più comune di cancro esofageo. Altri fattori di rischio per l’adenocarcinoma dell’esofago includono:

  • Sesso maschile;
  • Obesità;
  • Fumo.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Rigurgito;
  • Dolore toracico non legato all’alimentazione;
  • Difficoltà di deglutizione di solidi o liquidi;
  • Bruciore di stomaco;
  • Vomito con sangue;
  • Perdita di peso.

DIAGNOSI: I test usati per diagnosticare il cancro esofageo possono includere:

  • Esame del bario;
  • Risonanza Magnetica o TAC toracica;
  • Ecografia endoscopica;
  • Esofagogastroduodenoscopia e biopsia;
  • Scan PET;
  • Analisi delle feci.

TERAPIA: Quando il cancro esofageo è solo nell’esofago e non si è diffuso, l’intervento chirurgico per rimuovere il tumore è il trattamento più scelto. Talvolta chemioterapia, radiazioni, o una combinazione di entrambe possono essere utilizzate al posto della chirurgia, o per rendere più facile effettuare l’intervento.

Se il paziente è troppo grave per un intervento chirurgico o il tumore si è diffuso ad altri organi, la chemioterapia o le radiazioni possono essere utilizzate per contribuire a ridurre i sintomi (terapia palliativa). In questi casi la malattia di solito non è curabile.

Altri trattamenti che possono essere utilizzati sono dilatazione endoscopica dell’esofago e la terapia fotodinamica.

PROGNOSI: Il cancro esofageo di solito non è curabile. Quando il cancro non si è diffuso al di fuori l’esofago, la chirurgia può migliorare le possibilità di sopravvivenza. Per i pazienti il ​​cui tumore si è diffuso, una cura generalmente non è possibile, così il trattamento è diretto ad alleviare i sintomi. Possibili complicazioni possono essere:

  • Difficoltà a deglutire;
  • Polmonite;
  • Grave perdita di peso dovuta alla scarsa nutrizione;
  • Diffusione del tumore ad altre zone del corpo.

Contattare un medico se avete difficoltà a deglutire senza una causa conosciuta o se avete altri sintomi del cancro esofageo.

PREVENZIONE: Evitare di fumare e limitare l’assunzione di bevande alcoliche possono aiutare a ridurre il rischio di carcinoma a cellule squamose dell’esofago. Le persone con i sintomi di reflusso gastroesofageo grave devono rivolgersi al medico. Lo screening e la biopsia in soggetti con esofago di Barrett può portare a diagnosi precoce e ad un miglioramento della sopravvivenza. Le persone diagnosticate con esofago di Barrett dovrebbero prendere in considerazione di effettuare controlli regolari per il cancro esofageo.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Photo Credits | Thinkstock

Commenti (2)

  1. In alcuni casi i trattamenti chemioterapici, utilizzati per combattere i tumori possono lasciare effetti collaterali anche sulla pelle.
    Da parte nostra, il Board scientifico di “IL CORPO RITROVATO” è impegnato in attività di ricerca per l’accudimento, da un punto di vista dermo-cosmetologico, del paziente oncologico. Abbiamo attivato una community su Facebook e un forum sul nostro sito web dove è possibile ricevere e scambiare informazioni su questo delicato tema. Per info: http://www.ilcorporitrovato.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>