Emorragia intracerebrale

di Marco Mancini 1

Emorragia intracerebrale

L’emorragia intracerebrale è il sanguinamento nel cervello causato dalla rottura di un vaso sanguigno nella testa.

CAUSE: L’emorragia interna può verificarsi in qualsiasi parte del cervello. Il sangue può accumularsi nei tessuti del cervello, o nello spazio tra il cervello e le membrane che lo ricoprono. Il sanguinamento può essere solo in un emisfero (emorragia intracerebrale lobare), oppure può verificarsi in altre strutture cerebrali, come il talamo, gangli della base, ponte, o cervelletto (emorragia intracerebrale profonda).

Un’emorragia intracerebrale può essere causata da:

  • Anomalie dei vasi sanguigni (aneurisma o malformazione vascolare);
  • Pressione alta (emorragia intracerebrale da ipertensione);
  • Depositi di proteine ​​lungo i vasi sanguigni (angiopatia amiloide);
  • Trauma cranico.

In alcuni casi, nessuna causa può essere trovata. Il sangue irrita i tessuti cerebrali, causando gonfiore (edema cerebrale). E’ possibile che si accumuli in una massa chiamata ematoma. Questa aumenterà la pressione sui tessuti cerebrali vicini e può rapidamente distruggerli. Altri fattori che aumentano il rischio di emorragia intracerebrale sono:

  • Sangue e disturbi emorragici;
  • Diminuzione dei livelli di piastrine nel sangue;
  • Coagulazione intravascolare disseminata;
  • Emofilia;
  • Leucemia;
  • Anemia falciforme;
  • Amiloide cerebrale o tumori cerebrali;
  • Malattia del fegato;
  • Uso di aspirina o fluidificanti del sangue (farmaci anticoagulanti, come il warfarin).

I neonati prematuri (nati prima delle 35 settimane) a volte hanno sanguinamento in spazi pieni di fluido (ventricoli) del cervello. Questo tipo di sfiato è chiamato emorragia intra-ventricolare. Ciò si verifica nel primo giorno di vita o giù di lì e di solito non è prevenibile.

SINTOMI: I sintomi variano a seconda della posizione del sanguinamento e dalla quantità di tessuto cerebrale colpito. I sintomi di solito si sviluppano improvvisamente, senza preavviso, spesso durante l’attività fisica. Essi possono occasionalmente svilupparsi in uno schema graduale, o possono peggiorare nel tempo. I sintomi includono:

  • Alterazione del gusto;
  • Cambio di attenzione (livello di coscienza);
  • Apatia;
  • Letargia;
  • Coma;
  • Difficoltà nel parlare o comprensione il parlato;
  • Difficoltà di deglutizione;
  • Difficoltà di scrittura o lettura;
  • Mal di testa che può verificarsi quando si è distesi o può risvegliare il paziente nel sonno, può aumentare con il cambiamento della posizione, con flessione, sforzo e tosse;
  • Perdita di coordinamento;
  • Perdita di equilibrio;
  • Cambiamenti nei movimenti;
  • Difficoltà nello spostare qualsiasi parte del corpo;
  • Tremore delle mani;
  • Perdita delle capacità motorie;
  • Debolezza di qualsiasi parte del corpo;
  • Nausea, vomito;
  • Epilessia;
  • Cambiamenti nella sensibilità come sensazioni anomali o diminuite;
  • Paralisi facciale o intorpidimento o formicolio;
  • Cambiamenti nella vista come diminuzione o perdita completa;
  • Vista doppia;
  • Palpebre cadenti;
  • Pupille di diverse dimensioni;
  • Movimenti oculari incontrollabili.

DIAGNOSI: Una storia medica e un esame neurologico possono far notare un aumento della pressione intracranica o diminuzione delle funzioni cerebrali. I sintomi specifici possono aiutare il medico a dire quale parte del cervello è influenzata. Altri segni sono:

  • Riflessi anomali;
  • Variazioni del movimento degli occhi;
  • Diminuzione della visione;
  • L’incapacità di provare sensazioni correttamente;
  • Perdita di movimento o di coordinamento;
  • Gonfiore del nervo ottico da un aumento della pressione nel cervello.

I test possono includere:

  • Tempo di sanguinamento;
  • Angiografia cerebrale o TAC spirale, angiografia della testa;
  • Esame emocromocitometrico completo;
  • TAC del capo;
  • Risonanza Magnetica della testa;
  • Test di funzionalità renale;
  • Test di funzionalità epatica;
  • Conta piastrinica;
  • Tempo di protrombina o di tromboplastina parziale.

TERAPIA: Un’emorragia intracerebrale è una condizione grave che richiede un intervento medico perché può diventare pericolosa per la vita. Il trattamento dipende dalla posizione, causa, e dalla quantità di emorragia. La chirurgia può essere necessaria, soprattutto se vi è il sanguinamento nel cervelletto e per la riparazione o rimozione delle strutture che causano il sanguinamento (come un aneurisma cerebrale o malformazione artero-venose). I farmaci utilizzati possono includere:

  • Anticonvulsivanti per controllare le convulsioni;
  • Corticosteroidi o diuretici per ridurre il gonfiore;
  • Antidolorifici.

Potrebbe essere necessario del sangue, prodotti del sangue o fluidi somministrati endovena per compensare la perdita di sangue e fluidi. Altri trattamenti possono essere raccomandati, a seconda delle condizioni e sintomi.

PROGNOSI: Le possibilità di guarigione dipende dalle dimensioni dell’ematoma, dalla quantità dell’emorragia e dalla posizione nel cervello. Ci può essere un recupero completo, o una perdita permanente della funzione cerebrale. La morte è possibile e può verificarsi rapidamente nonostante l’immediato trattamento medico. Farmaci, chirurgia o altri trattamenti possono avere effetti collaterali gravi. Possibili complicazioni possono essere:

  • Ictus emorragico;
  • Perdita permanente di qualsiasi funzionalità cerebrale;
  • Effetti collaterali dei farmaci usati per trattare il disturbo.

Contattare un medico se ci sono sintomi di emorragia intracerebrale come:

  • Difficoltà di respirazione;
  • Incapacità di parlare o deglutire;
  • Perdita di coscienza;
  • Paralisi di un braccio, una gamba, o metà del corpo;
  • Convulsioni.

PREVENZIONE: Curare e controllare malattie sottostanti può ridurre il rischio di sviluppare l’emorragia intracerebrale. Controllare l’alta pressione sanguigna. Non smettere di prendere farmaci a meno che non sia stato ordinato dal medico. Condizioni come l’aneurisma possono spesso essere trattate prima che possano causare sanguinamento nel cervello.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.