Pneumotorace spontaneo

di Marco Mancini Commenta

Pneumotorace spontaneo

Il pneumotorace spontaneo, o collasso spontaneo di un polmone, è un accumulo di aria o gas nello spazio tra i polmoni e il torace che fa “collassare” il polmone e gli impedisce di gonfiarsi completamente.

CAUSE: Ci sono due tipi di pneumotorace spontaneo:

  • Pneumotorace spontaneo primario;
  • Pneumotorace spontaneo secondario.

Spontaneo significa che non c’è una lesione traumatica del torace o del polmone. Il pneumotorace spontaneo primario si verifica in persone senza malattia polmonare, più spesso in persone alte, magre e giovani. A volte i pazienti hanno una storia familiare di questo problema. Le persone che hanno avuto un pneumotorace spontaneo sono a più alto rischio di ricaduta sullo stesso lato o sull’altro.

Il pneumotorace spontaneo secondario si verifica in persone che hanno una malattia polmonare di base. La malattia polmonare più comune che causa il pneumotorace spontaneo è una malattia ostruttiva cronica (BPCO). Altre malattie polmonari associate al pneumotorace spontaneo sono:

  • Asma;
  • Fibrosi cistica;
  • Malattia polmonare interstiziale;
  • Cancro del polmone;
  • Polmonite;
  • Tubercolosi.

SINTOMI: I sintomi spesso iniziano improvvisamente e si possono verificare durante il riposo o il sonno. Essi possono includere:

  • Movimento della respirazione anormale nel petto o limitazione del movimento della parete toracica quando si respira a causa del dolore, o ci si china sul petto per proteggersi dal dolore;
  • Tosse;
  • Rapida frequenza respiratoria;
  • Mancanza di respiro;
  • Dolore toracico improvviso o costrizione toracica;
  • Respirazione o tosse rendono peggiore il dolore;
  • Il dolore toracico può essere sordo, acuto o lancinante.

DIAGNOSI: Il medico userà uno stetoscopio per ascoltare i polmoni e i suoni durante il respiro. È inoltre possibile effettuare i seguenti esami:

  • Radiografia del torace;
  • Gas del sangue arterioso.

TERAPIA: L’obiettivo del trattamento è quello di eliminare l’aria dal polmone, permettendogli di ri-espandersi. Il collasso del polmone non grave può migliorare senza alcun trattamento. L’aspirazione dell’aria può ri-espandere il polmone. L’immissione di un tubo nel petto tra le costole nello spazio pleurico permette la rimozione dell’aria quando l’aspirazione semplice non riesce o se il pneumotorace è grande. La ri-espansione del polmone potrebbe richiedere alcuni giorni con il tubo toracico lasciato in sede. Il ricovero è richiesto per gestire il tubo nel petto. Alcune persone possono avere bisogno di un intervento chirurgico per il collasso polmonare ripetuto. Una procedura chiamata pleurodesi può aiutare a prevenire l’accumulo di aria e fluido intorno ai polmoni e prevenire altri collassi. I pazienti devono smettere di fumare ed evitare  l’alta quota, le immersioni subacquee, o di viaggiare in un aereo non pressurizzato per evitare il ripetersi del pneumotorace.

PROGNOSI: Molti pazienti con pneumotorace spontaneo hanno una ricaduta. Contattare un medico se sviluppate grave mancanza di respiro.

PREVENZIONE: Smettere di fumare diminuisce il rischio di sviluppare gravi malattie polmonari che possono portare al pneumotorace. Il controllo di malattie polmonari come l’asma può ridurre il rischio di pneumotorace.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>