Porpora di Henoch-Schonlein

di Marco Mancini 1

Porpora di Henoch-Schonlein

La porpora di Henoch-Schonlein è una malattia che causa macchie viola sulla pelle, dolori articolari, problemi gastrointestinali, e la glomerulonefrite (un tipo di malattia renale).

CAUSE: La porpora di Henoch-Schonlein è causata da una risposta anomala del sistema immunitario. Non è chiaro perché questo accada. La sindrome si manifesta generalmente nei bambini, ma può colpire persone di qualsiasi età. E’ più comune nei maschi che nelle femmine. Molte persone con porpora di Henoch-Schonlein avevano già sofferto di una malattia delle vie respiratorie superiori nelle settimane precedenti.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Dolore addominale;
  • Dolore alle articolazioni;
  • Macchie viola sulla pelle (porpora), di solito sopra i glutei, gambe e gomiti;
  • Feci sanguinolente;
  • Angioedema o orticaria;
  • Nausea;
  • Diarrea;
  • Mestruazioni dolorose;
  • Vomito.

DIAGNOSI: Il medico esaminerà il corpo del paziente ed in particolare guarderà la pelle. L’esame fisico rivelerà piaghe della pelle (lesioni) e mollezza nelle articolazioni. I test possono includere:

  • Biopsia della pelle;
  • Analisi delle urine.

TERAPIA: Non esiste un trattamento specifico. La maggior parte dei casi vanno via da soli senza alcun trattamento. Se i sintomi persistono, il medico può consigliare una terapia con corticosteroidi come il prednisone.

PROGNOSI: La malattia di solito guarisce da sola senza alcun trattamento. Possibili complicazioni possono essere:

  • Emorragia all’interno del corpo;
  • Problemi renali (in rari casi).

Contattare un medico se:

  • Si sviluppano i sintomi della porpora di Henoch-Schonlein, soprattutto se durano per più di pochi giorni;
  • Voi o il vostro bambino avete poca produzione di urina dopo un episodio di porpora di Henoch-Schonlein.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.