Prolattinoma

di Marco Mancini 2

Prolattinoma

Il prolattinoma è un tumore pituitario benigno che produce un ormone chiamato prolattina. Ciò si traduce in un eccesso di prolattina nel sangue.

CAUSE: La prolattina è un ormone che attiva la produzione di latte nel seno. Il prolattinoma è il tipo più comune di tumore dell’ipofisi (adenoma). Esso costituisce almeno il 30% di tutti gli adenomi pituitari. La maggior parte dei tumori ipofisari sono noncancerosi (benigni). Il prolattinoma può manifestarsi come parte di una malattia ereditaria chiamata neoplasia endocrina multipla di tipo 1. I prolattinomi si verificano più comunemente nelle persone sotto i 40 anni. Sono cinque volte più comuni nelle donne rispetto agli uomini, ma sono rari nei bambini. Almeno la metà di tutti i prolattinomi sono molto piccoli (meno di 1 cm di diametro). Questi microprolattinomi sono più comuni nelle donne. Molti tumori di piccole dimensioni restano piccoli e non diventano mai più grandi. I tumori più grandi, chiamati macroprolattinomi, sono più comuni negli uomini, e tendono a manifestarsi in età più avanzata. Possono crescere fino a grandi dimensioni prima che compaiano i sintomi.

SINTOMI: Nelle donne:

  • Anormale flusso di latte dal seno fuori dalla gravidanza o allattamento (galattorrea);
  • Mollezza del seno;
  • Diminuzione dell’interesse sessuale;
  • Mal di testa;
  • Infertilità;
  • Arresto delle mestruazioni non legate alla menopausa;
  • Modifiche alla vista.

Negli uomini:

  • Diminuzione dell’interesse sessuale;
  • Allargamento del tessuto del seno (ginecomastia);
  • Mal di testa;
  • Impotenza;
  • Infertilità;
  • Modifiche alla vista.

I sintomi causati dalla pressione di un tumore più grande possono comprendere:

  • Mal di testa;
  • Letargia;
  • Drenaggio nasale;
  • Nausea e vomito;
  • Problemi con l’olfatto;
  • Modifiche alla vista come doppia visione, palpebre cadenti o la perdita del campo visivo.

Può non esserci nessun sintomo, soprattutto negli uomini.

DIAGNOSI: Gli esami da effettuare sono:

  • Risonanza magnetica o Tomografia computerizzata del cranio che mostra una massa ipofisaria;
  • Diminuzione dei livelli di testosterone negli uomini;
  • Livelli di prolattina.

TERAPIA: Non tutti hanno bisogno del trattamento per il prolattinoma. La terapia farmacologica di solito basta per guarire dal prolattinoma. La chirurgia è utilizzabile in alcuni casi in cui il tumore può danneggiare la vista. Nelle donne, il trattamento può migliorare:

  • L’infertilità;
  • Le mestruazioni irregolari;
  • La perdita di interesse sessuale;
  • Il flusso del latte non legato al parto o all’allattamento.

Gli uomini devono essere curati quando hanno:

  • Riduzione dell’interesse sessuale;
  • Impotenza;
  • Infertilità.

I prolattinomi di grandi dimensioni generalmente devono essere curati per prevenire la perdita della vista. Bromocriptina e cabergolina sono farmaci che riducono i livelli di prolattina sia negli uomini che nelle donne. Di solito devono essere presi per tutta la vita. Se il farmaco viene interrotto, il tumore può crescere e produrre prolattina di nuovo, soprattutto se si tratta di un grosso tumore. La maggior parte delle persone rispondono bene a questi farmaci, anche se i prolattinomi grandi sono più difficili da curare. Entrambi i farmaci possono causare vertigini e disturbi allo stomaco.

L’utilizzo di bromocriptina nel corso del tempo può ridurre la possibilità di essere curato con la rimozione del tumore. Pertanto, se l’intervento chirurgico è necessario, è meglio rimuovere il tumore durante i primi 6 mesi di utilizzo di questo farmaco. La radioterapia con radiazioni convenzionali di solito è riservata ai pazienti con prolattinoma che continua o peggiora dopo i farmaci e l’intervento chirurgico.

PROGNOSI: Le prospettive di guarigione dipendono dal successo della terapia medica o chirurgica. E’ importante continuare a monitorare il prolattinoma anche dopo la guarigione. Possibili complicazioni possono essere emorragia e ricrescita del tumore. Se non curato, un tumore in crescita può premere sul nervo ottico e causare:

  • Cecità;
  • Vista sdoppiata;
  • Perdita permanente della vista.

Contattare un medico se avete qualche sintomo di prolattinoma o se avete avuto un prolattinoma in passato, e i sintomi ritornano.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>