Pterigio

di Marco Mancini 1

Pterigio

Lo pterigio è una crescita non-cancerosa del tessuto sottile nella parte bianca dell’occhio (congiuntiva). Uno o entrambi gli occhi possono essere coinvolti.

CAUSE: La causa è sconosciuta, ma è più comune nelle persone che vivono all’aperto con eccesso di esposizione al sole e al vento. I fattori di rischio sono l’esposizione ai raggi del sole, alla polvere, sabbia o vento. Gli agricoltori, pescatori e persone che vivono vicino all’equatore sono spesso colpite. Lo pterigio è raro nei bambini.

SINTOMI: Il sintomo principale di uno pterigio è una macchia indolore della parte elevata del tessuto bianco, con i vasi sanguigni sul bordo interno o esterno della cornea.

DIAGNOSI: Un esame fisico degli occhi e delle palpebre conferma la diagnosi. Altri esami di solito non sono necessari.

TERAPIA: Nessun trattamento è richiesto a meno che lo pterigio non cominci a bloccare la vista. In questo caso dovrebbe essere rimosso con l’intervento chirurgico. Indossare occhiali protettivi e un cappello a tesa larga può aiutare a prevenire che la condizione ritorni in persone che già l’hanno avuta in passato.

PROGNOSI: La maggior parte dei casi di pterigio non causano nessun problema e non necessitano di trattamento. Se uno pterigio interessa la cornea, i risultati sono generalmente buoni dopo che è stato rimosso. L’unica complicazione possibile è che uno pterigio può ritornare dopo che è stato rimosso.

Contattare un medico se siete affetti da pterigio per un controllo regolare ogni anno da un oculista per controllare se questo incide sulla vista. Recarsi da un oculista anche se, dopo essere guariti, i sintomi ritornato.

PREVENZIONE: Proteggere gli occhi dai raggi ultravioletti può aiutare a prevenire questa condizione.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.