Rigurgito mitralico cronico

di Marco Mancini 1

Rigurgito mitralico cronico

Il rigurgito mitralico cronico, o insufficienza mitralica cronica, è una malattia a lungo termine in cui la valvola mitrale del cuore non si chiude correttamente, causando il reflusso del sangue all’indietro nella camera cardiaca superiore quando la camera sinistra inferiore del cuore si contrae. La condizione è progressiva, cioè gradualmente peggiora.

CAUSE: L’insufficienza mitralica è il tipo più comune di insufficienza delle valvole cardiache. Dopo i 55 anni di età, un certo grado di rigurgito mitralico si trova in quasi il 20% degli uomini e delle donne all’ecocardiogramma. Qualsiasi patologia che indebolisce o danneggia la valvola mitrale o causa un rigonfiamento della camera inferiore sinistra del cuore (ventricolo) può portare all’insufficienza mitralica. Nel corso del tempo, più sangue torna indietro nell’atrio dal ventricolo sinistro, e il cuore deve lavorare di più per pompare il sangue al resto del corpo. Questo può portare ad insufficienza cardiaca congestizia.

Il rigurgito mitrale diventa cronico quando i sintomi persistono e non si verificano solo per un breve periodo di tempo. Deve essere distinto da quello acuto. Il prolasso della valvola mitrale è una causa relativamente comune di rigurgito mitralico cronico. Circa un terzo dei i casi di rigurgito mitralico cronico è causato da una malattia cardiaca reumatica, una complicanza dello streptococco della gola non curato.

Il rigurgito mitralico congenito (presente dalla nascita) è raro, se non è parte di un difetto cardiaco o sindrome più complessa. Può essere causato anche da:

  • Aterosclerosi;
  • Endocardite;
  • Tumore al cuore;
  • Alta pressione sanguigna;
  • Sindrome di Marfan;
  • Gonfiore della camera cardiaca inferiore sinistra;
  • Sifilide non curata.

I fattori di rischio includono una storia individuale o familiare di una delle patologie di cui sopra e l’uso di fenfluramina o dexfenfluramina per 4 o più mesi.

SINTOMI: Spesso non ci sono sintomi. Quando si verificano, spesso si sviluppano a poco a poco, e possono comprendere:

  • Tosse;
  • Stanchezza, spossatezza e vertigini;
  • Palpitazioni (in relazione alla fibrillazione atriale);
  • Mancanza di respiro durante l’attività fisica e quando si sta sdraiati;
  • Minzione eccessiva di notte.

DIAGNOSI: Il medico può rilevare vibrazioni sopra il cuore quando ausculta il ​​petto. Un suono cardiaco da soffio può essere sentito con uno stetoscopio. Tuttavia, alcuni pazienti potrebbero non avere questo mormorio. Se il fluido finisce nei polmoni, possono essere sentiti crepitii. L’esame fisico può rivelare anche gonfiore delle caviglie, ingrossamento del fegato, vene del collo distese, e altri segni coerenti con lo scompenso cardiaco destro. I test che possono essere effettuati sono:

  • Studio doppler cardiaco;
  • Cateterismo cardiaco;
  • Radiografia del torace;
  • TAC del torace;
  • Elettrocardiogramma;
  • Ecocardiogramma;
  • Risonanza magnetica;
  • Scansioni ai radionuclidi;
  • Ecocardiogramma transesofageo.

TERAPIA: La scelta del trattamento dipende dai sintomi, dalla condizione e dalla funzione del cuore. Gli antibiotici sono prescritti se si ha un’infezione batterica. Essi sono utilizzati anche per ridurre il rischio di endocardite infettiva nei pazienti con prolasso della valvola mitrale che stanno avendo un intervento odontoiatrico.

I farmaci antiipertensivi e vasodilatatori possono essere somministrati per ridurre la pressione sul cuore e aiutare a migliorare la condizione. Anticoagulanti o farmaci antiaggreganti piastrinici (fluidificanti del sangue) possono essere usati per prevenire la formazione di coaguli nei pazienti con fibrillazione atriale. Digitalis può essere utilizzato per rafforzare il battito del cuore, insieme con i diuretici per rimuovere l’eccesso di liquido nei polmoni.

Una dieta povera di sodio può essere utile. La maggior parte delle persone non hanno sintomi, ma se una persona li sviluppa, l’attività può essere limitata. Il ricovero può essere necessario per la diagnosi e il trattamento di sintomi gravi. La riparazione chirurgica o la sostituzione della valvola è consigliata se la funzione del cuore è scarsa, se i sintomi sono gravi, o le condizioni peggiorano. Una volta che la diagnosi di insufficienza mitralica è fatta, un controllo periodico da uno specialista è necessario per valutare l’opportunità di un intervento chirurgico.

PROGNOSI: Il risultato varia e dipende dalle condizioni di base. Di solito la condizione è benigna, per cui nessuna terapia o restrizione è necessaria. I sintomi di solito possono essere controllati con i farmaci. Nei casi più gravi, la riparazione o sostituzione della valvola può essere necessaria. Possibili complicazioni possono essere.

  • Aritmie (ritmo cardiaco anomalo), inclusa la fibrillazione atriale e aritmie letali;
  • Coaguli ad altri settori;
  • Endocardite (infezione delle valvole cardiache);
  • Insufficienza cardiaca;
  • Embolia polmonare (coaguli di sangue nei polmoni);
  • Ictus.

Contattare un medico se si hanno sintomi di insufficienza della valvola mitralica, o se i sintomi peggiorano o non migliorano con il trattamento o se, durante la terapia, si sviluppano segni di infezione, tra cui:

  • Brividi;
  • Febbre;
  • Malessere generale;
  • Mal di testa;
  • Dolori muscolari.

PREVENZIONE: Curare le infezioni da streptococco tempestivamente per prevenire la febbre reumatica. Il trattamento rapido dei disturbi che possono causare l’insufficienza mitralica riducono il rischio. Ogni procedura invasiva, compresa la pulizia dentale, può introdurre i batteri nel sistema circolatorio. I batteri possono infettare una valvola mitrale danneggiata, provocando l’endocardite. Dite sempre al vostro medico se avete una storia di malattia valvolare cardiaca o malattia cardiaca congenita prima del trattamento. L’assunzione di antibiotici prima di procedure invasive può ridurre il rischio dell’endocardite.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.