Sindrome di Sheehan

di Marco Mancini 1

Sindrome di Sheehan

La sindrome di Sheehan è una condizione che può verificarsi in una donna che sanguina gravemente durante il parto.

CAUSE: Una grave emorragia durante il parto può causare la morte dei tessuti nella ghiandola pituitaria, che a sua volta può causare la perdita della capacità di funzionare correttamente. La ghiandola pituitaria è situata alla base del cervello. Normalmente produce ormoni che stimolano la produzione del latte materno, la crescita, le funzioni riproduttive, la tiroide e le ghiandole surrenali. La mancanza di questi ormoni può portare ad una varietà di sintomi. Le condizioni che aumentano il rischio di sanguinamento durante il parto e la sindrome di Sheehan comprendono gravidanze multiple e problemi con la placenta, l’organo che si sviluppa durante la gravidanza per nutrire il feto. La sindrome di Sheehan è molto rara.

SINTOMI: I sintomi della sindrome di Sheehan possono includere:

  • Incapacità di allattare al seno (il latte materno non è mai è disponibile);
  • Fatica;
  • Mancanza di sanguinamento mestruale;
  • Perdita di peli pubici e ascellari;
  • Bassa pressione sanguigna.

I sintomi diversi dall’incapacità di allattare al seno possono non svilupparsi per diversi anni dopo il parto.

DIAGNOSI: Per diagnosticare la sindrome di Sheehan si effettuano le analisi del sangue per misurare i livelli ormonali ed una tomografia computerizzata della testa per escludere altri problemi dell’ipofisi, come ad esempio un tumore.

TERAPIA: Il trattamento prevede l’estrogeno e il progesterone nella terapia ormonale sostitutiva, che deve essere preso per tutta la vita. Ormoni surrenali e tiroidei inoltre devono essere assegnati.

PROGNOSI: Le prospettive di guarigione sono eccellenti con la diagnosi precoce ed il trattamento. Questa condizione può essere letale se non curata.

PREVENZIONE: Un estremo sanguinamento durante il parto può spesso essere evitato con un’adeguata assistenza sanitaria. In caso contrario, la sindrome di Sheehan non è evitabile.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>