Sindrome di Sturge-Weber

di Marco Mancini Commenta

Sindrome di Sturge-Weber

La sindrome di Sturge-Weber è una malattia rara che è presente sin dalla nascita. Un bambino con questa condizione avrà una voglia simile ad una macchia di vino rosso (di solito sul viso) e problemi neurologici.

CAUSE: La causa della sindrome di Sturge-Weber è sconosciuta. Non si pensa sia ereditaria.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Macchia rossa più comune sul viso che sul resto del corpo;
  • Attacchi epilettici;
  • Paralisi o debolezza su un lato;
  • Difficoltà di apprendimento.

DIAGNOSI: Il glaucoma può essere un segno della condizione. I test possono includere:

  • Raggi-X;
  • Risonanza magnetica;
  • Tomografia Computerizzata.

TERAPIA: Il trattamento si basa sui segni e sintomi del paziente, i quali possono comprendere:

  • Farmaci anticonvulsivanti per gli attacchi epilettici;
  • Collirio o un intervento chirurgico per curare il glaucoma;
  • Terapia laser per le macchie rosse;
  • Terapia fisica per la paralisi o debolezza;
  • Possibilità di chirurgia cerebrale per prevenire le convulsioni.

PROGNOSI: La maggior parte dei casi di sindrome di Sturge-Weber non sono pericolosi per la vita. La qualità della vita del paziente dipende da quanto i sintomi (come gli attacchi epilettici) possono essere prevenuti o curati. I pazienti avranno bisogno di visitare un oculista almeno una volta all’anno per curare il glaucoma, e di vedere un neurologo per curare le crisi e gli altri sintomi neurologici.

Possibili complicazioni possono essere:

  • Anomala crescita di vasi sanguigni nel cranio;
  • Continua crescita delle macchie rosse;
  • Ritardo nello sviluppo;
  • Problemi emotivi e comportamentali;
  • Glaucoma che può portare alla cecità;
  • Paralisi;
  • Convulsioni.

Contattare un medico se si hanno delle voglie, come la macchia rossa sul viso. Convulsioni, disturbi della vista, paralisi e cambiamenti nello stato di vigilanza o mentali possono riguardare i rivestimenti del cervello. Questi sintomi devono essere valutati subito.

PREVENZIONE: Non c’è una forma di prevenzione conosciuta.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>