Sindrome obesità-ipoventilazione

di Marco Mancini Commenta

Sindrome obesità-ipoventilazione

La sindrome obesità-ipoventilazione è una condizione che si verifica nelle persone obese, in cui la respirazione scarsa porta a livelli di ossigeno più bassi e livelli di anidride carbonica più elevati nel sangue.

CAUSE: La causa esatta è sconosciuta. La maggior parte dei pazienti (ma non tutti) hanno una forma di apnea nel sonno. Si crede sia il risultato di un difetto nel controllo del cervello sulla respirazione, e il peso eccessivo (in presenza di obesità) contro la parete toracica rende difficile fare un respiro profondo. Di conseguenza, il sangue è carico di troppa anidride carbonica e non ha abbastanza ossigeno. Le persone con questa condizione sono spesso stanche a causa della perdita di sonno, cattiva qualità del sonno e ipossia cronica. L’eccesso di obesità è il principale fattore di rischio.

SINTOMI: I sintomi principali sono dovuti alla mancanza di sonno e includono:

  • Eccessiva sonnolenza diurna;
  • Addormentarsi durante il giorno;
  • Aumento del rischio di incidenti o errori sul lavoro;
  • Depressione.

I sintomi di basso livello di ossigeno nel sangue (ipossia cronica) possono anche verificarsi, come respiro corto o sensazione di stanchezza dopo il minimo sforzo.

DIAGNOSI: Le persone con la sindrome obesità-ipoventilazione di solito sono molto in sovrappeso. Gli esami denotano:

  • Colore bluastro delle labbra, delle dita dei piedi o della pelle (cianosi);
  • Segni di insufficienza cardiaca, gambe o piedi gonfi, mancanza di respiro o sensazione di stanchezza dopo il minimo sforzo;
  • Colorito rossastro;
  • Collo taurino e il passaggio dell’aria dalla bocca.

I test per confermare la condizione sono:

  • Analisi del sonno;
  • Funzione polmonare;
  • Analisi del gas arterioso.

TERAPIA: Il trattamento prevede l’assistenza respiratoria con macchine speciali (ventilazione meccanica) nei seguenti modi:

  • Ventilazione meccanica non invasiva attraverso una maschera che si adatta perfettamente sul naso o il naso e la bocca (soprattutto per il sonno);
  • Ventilazione meccanica attraverso un’incisione nel collo (tracheostomia);
  • Ossigenoterapia.

Altri trattamenti sono volti alla perdita di peso, che può invertire la sindrome. I gruppi di sostegno possono aiutare i pazienti e i loro familiari ad adattarsi ai cambiamenti dello stile di vita necessari per il trattamento.

PROGNOSI: Se non curata, la malattia può portare a gravi problemi ai vasi sanguigni del cuore, grave disabilità o morte. I problemi di insonnia cronici possono anche aumentare la probabilità di avere un incidente automobilistico. Possibili complicazioni hanno a che fare con una mancanza di sonno, come:

  • Aumento del rischio di incidenti;
  • Depressione, agitazione, irritabilità;
  • Disfunzione sessuale.

Altri problemi cardiaci possono essere ipertensione o insufficienza cardiaca. Contattare un medico se siete molto stanchi durante il giorno, o avete altri sintomi che suggeriscono la sindrome obesità-ipoventilazione.

PREVENZIONE: Mantenere un peso sano ed evitare l’obesità.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>