Spasmo vascolare

di Marco Mancini Commenta

Spasmo vascolare

Lo spasmo vascolare è un piccolo blocco delle cellule muscolari all’interno delle pareti di un vaso sanguigno.

CAUSE: Il bloccaggio delle cellule muscolari all’interno dei vasi causa la chiusura o la riduzione del vaso stesso in modo significativo. Questo interrompe il flusso del sangue. Gli spasmi vascolari, a cui possono seguire degli attacchi di cuore, possono essere causati dall’uso di cocaina, tabacco, o irritazione delle vene dall’interno (per esempio, con un catetere) o dall’esterno (da un infortunio o strappo).

SINTOMI: Gli spasmi vascolari limitano temporaneamente il flusso sanguigno ai tessuti forniti da quel vaso. Il sintomo più comune è il dolore. Altri sintomi sono causati dalla mancanza di flusso di sangue e variano a seconda degli organi colpiti:

Quando lo spasmo colpisce la circolazione in un braccio o una gamba, si possono avere i seguenti sintomi:

  • Pallore;
  • Sensazione di freddo nel braccio o nella gamba;
  • Problemi con la funzione degli arti e del movimento.

Quando lo spasmo riguarda il flusso di sangue nel cuore, i sintomi possono includere:

  • Battiti cardiaci irregolari;
  • Dolore toracico e sintomi simili a un attacco di cuore.

Altri nomi per indicare il dolore alla cassa toracica derivanti dallo spasmo vascolare sono angina di Prinzmetal e angina variante. Se lo spasmo colpisce un vaso sanguigno del cervello, sintomi simili all’ictus o emicrania possono accadere.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico. I test variano e dipendono dai sintomi e dalla parte del corpo colpita.

TERAPIA: I sintomi possono a volte essere alleviati mediante l’uso di farmaci che aiutano a rilassare i vasi sanguigni o ad evitare le sostanze (come la cocaina) che causano gli spasmi.

[Fonte: Ny Times]

[Foto: Mayo Foundation]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>