Strongiloidiasi

di Marco Mancini Commenta

Strongiloidiasi

La strongiloidiasi è l’infezione dovuta al verme Strongyloides stercoralis (S. stercoralis).

CAUSE: Lo S. stercoralis è un verme abbastanza comune in aree calde e umide. Raramente, può essere trovato più a nord del Canada. Una persona si può infettare quando viene a contatto con il terreno contaminato dai vermi. Il piccolo verme è appena visibile a occhio nudo. Ascaridi giovani possono muoversi attraverso la pelle e nel flusso sanguigno fino ai polmoni e alle vie respiratorie. Quando i vermi crescono, si installano nelle pareti dell’intestino per produrre uova. Le zone in cui i vermi passano attraverso la pelle possono diventare rosse e dolorose. Questa infezione è rara in Occidente. La maggior parte dei casi osservati riguardano viaggiatori che hanno visitato o vissuto in Sud America o Africa.

SINTOMI: Il più delle volte, non ci sono sintomi. Se questi compaiono, possono includere:

  • Dolore addominale (addome superiore);
  • Tosse;
  • Diarrea;
  • Sfoghi cutanei;
  • Zone rosse simili all’orticaria vicino all’ano;
  • Perdita di peso involontaria;
  • Vomito.

DIAGNOSI: I test che possono essere effettuati sono:

  • Esame del sangue dell’antigene per S. stercoralis;
  • Esame emocromocitometrico completo con differenziale;
  • Aspirazione duodenale per verificare la presenza di S. stercoralis;
  • Espettorato per verificare la presenza di S. stercoralis;
  • Esame del campione di feci per verificare la presenza di S. stercoralis.

TERAPIA: L’obiettivo del trattamento è di eliminare i vermi con i farmaci appositi come ivermectina. In alcuni casi, le persone che prendono farmaci immunosoppressivi vengono curate anche se non hanno sintomi.

PRGONOSI: Il pieno recupero con l’eliminazione dei parassiti è possibile con un trattamento adeguato. A volte il trattamento deve essere ripetuto. Le infezioni che sono diffuse spesso hanno una prognosi peggiore, soprattutto in persone con sistema immunitario indebolito. Possibili complicazioni possono essere:

  • Eosinofilia polmonare acuta (sindrome di Loeffler);
  • Strongiloidiasi diffusa, soprattutto nei pazienti con HIV o un sistema immunitario compromesso;
  • La malnutrizione causa problemi di assorbimento dei nutrienti nel tratto gastrointestinale.

Contattare un medico se avete i sintomi della strongiloidiasi.

PREVENZIONE: Una buona igiene personale può ridurre il rischio di strongiloidiasi. Adeguati servizi sanitari pubblici possono favorire un buon controllo delle infezioni.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>