Tenesmo

di Marco Mancini 1


Tenesmo

Il tenesmo si ha in presenza di un bisogno costante di svuotare l’intestino, con dolore e crampi. Di solito si verifica con alcune malattie infiammatorie dell’intestino. Queste malattie possono essere causate da un’infezione o altre condizioni. Le persone con tenesmo sentono come di aver bisogno di defecare in continuazione, anche quando non c’è una vera urgenza.

CAUSE: Le cause più comuni sono:

  • Ascesso anorettale;
  • Cancro colorettale o tumori;
  • Morbo di Crohn;
  • Infezione del colon (colite infettiva);
  • Infiammazione del colon o del retto causata dalle radiazioni;
  • Malattia infiammatoria dell’intestino;
  • Colite ulcerosa.

DIAGNOSI: Il medico, per diagnosticare la malattia, farà alcune domande al paziente o cercherà la presenza di:

  • Dolore addominale;
  • Sangue nelle feci;
  • Brividi;
  • Febbre;
  • Nausea;
  • Vomito.

Questi sintomi potrebbero essere un segno di una malattia che potrebbe essere la causa del problema. Le domande che il medico farà riguarderanno tutti i sintomi provati, la dieta seguita e la storia medica del paziente. L’esame fisico può comprendere un esame addominale dettagliato. Un esame rettale, con verifica della prostata per gli uomini, viene eseguito nella maggior parte dei casi. I test che possono essere effettuati includono:

  • Colonscopia che osserva il colon ed il retto;
  • Esame emocromocitometrico completo;
  • Tomografia Computerizzata dell’addome (in rari casi);
  • Elettroliti;
  • Analisi delle feci;
  • Raggi-X del ventre.

TERAPIA: Se ci si sente costipati (si sente il bisogno di defecare, ma non si riesce a farlo), cercare di aumentare l’apporto di fibre e liquidi. Contattare un medico se si continuano ad avere sintomi del tenesmo, sia se sono costanti che se vanno e vengono.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.